giovedì 19 gennaio | 11:53
pubblicato il 09/mar/2011 15:45

Carceri/ Con ultime 2 morti 'poco chiare' ieri a oggi 28 decessi

A Montelupo detenuto inala gas e a Carinola infarto sospetto

Carceri/ Con ultime 2 morti 'poco chiare' ieri a oggi 28 decessi

Roma, 9 mar. (askanews) - Con i due detenuti morti in in circostanze poco chiare ieri sale a 28 il numero dei decessi nelle carceri italiane dall'inizio dell'anno, dieci dei quali suicidi accertati. A fare i conti è l'associazione Ristretti Orizzonti. Le ultime due morti si sono registrate entrambe ieri: nell'ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino un internato 29enne, G.D., di origini genovesi, è stato ritrovato morto nella sua cella. Il giovane era arrivato nella struttura psichiatrica penitenziaria nell'ottobre 2010. Il cadavere è stato trovato nel bagno della cella: in quel momento era solo. A scoprirlo gli agenti: sono subito scattati i soccorsi; si è anche provato a rianimarlo. Il detenuto è stato dichiarato morto intorno alle 18. Accanto all'uomo, che era stato internato a causa di episodi di aggressioni in famiglia, è stata trovata una bomboletta di gas in dotazione ai detenuti. I reclusi a volte aspirano il gas per sballarsi e questa pratica può anche diventare mortale, ma il Sappe, sindacato autonomo della polizia penitenziaria, parla apertamente di suicidio. Sul caso è stato aperto un fascicolo da parte della Procura della Repubblica di Firenze. La salma è stata trasferita al reparto di medicina legale di Careggi per essere sottoposta ad autopsia. Sempre ieri a Carinola, nel casertano, Francesco Sparaccio, 53 anni, è stato trovato cadavere nella cella dove da sei anni stava scontando l'ergastolo. Qualche mese addietro l'uomo aveva iniziato ad accusare dolori, per i quali chiedeva sempre più frequentemente assistenza infermieristica. E' stato curato con Malox e antidolorifici, anche per via endovenosa e il 25 gennaio scorso il suo legale, Daniela D'Amuri, ha chiesto al magistrato di sorveglianza il ricovero d'urgenza, perché Sparaccio accusava dolori insopportabili al ventre e allo stomaco. Richiesta rimasta senza conseguenze. In ospedale Sparaccio, non ci è mai arrivato. Ora la famiglia ha presentato un esposto alla procura della Repubblica di Caserta, chiedendo di accertare se quella morte si sarebbe potuta scongiurare oppure no. E Ristretti Orizzonti rivolge anche un appello alle istituzioni per aiutare un giovane detenuto nel carcere di Bari, il 30enne di origini francavillesi Massimo Di Palmo, gravemente cardiopatico, che "in queste ore sta lottando per vedersi riconosciuto il diritto alla salute, diritto 'inalienabile' anche per chi è detenuto. Il giudice del tribunale di Brindisi Giuseppe Licci - spiega l'associazione - ne ha disposto il ricovero nel centro clinico del capoluogo barese, ma nella clinica non c'è posto. Così è stato trasferito in una cella dove vive con altri otto detenuti, fumatori".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina