giovedì 08 dicembre | 07:54
pubblicato il 11/feb/2012 10:47

Carcere/ Muoiono tre detenuti, sindacati: è allarme

A Roma, Campobasso e Bologna. Marroni: magistratura faccia luce

Carcere/ Muoiono tre detenuti, sindacati: è allarme

Roma, 11 feb. (askanews) - Morire quando si è affidati allo Stato. Tre detenuti sono morti nelle ultime ore e torna alto l'allarme carcere. Secondo quanto reso noto dal segretario generale della Uil-penitenziari, Eugenio Sarno, intorno alle 7 di stamane, è stato trovato senza vita un uomo di 39 anni. D.R.M. Era nel proprio letto. A scoprirlo è stato il suo compagno di cella. "Dalle prime notizie parrebbe che la morte sia sopravvenuta per cause naturali (probabile infarto). Il detenuto era ristretto nel Reparto Penale del carcere bolognese della Dozza e scontava una pena per rapina, spaccio internazionale, sequestro di persona ed altro. Avrebbe terminato la detenzione nel 2024". A Campobasso, invece, è morto in ospedale il detenuto napoletano che si era sentito male in carcere. Era dentro per associazione a delinquere e rapina. "In questo triste contesto il personale di polizia penitenziaria di Campobasso, già dimezzato dalle conseguenze delle cattive condizioni meteo che hanno colpito la Regione, si è distinto ancora una volta per professionalità, attenzione e senso del dovere ed a tutti loro va il mio plauso e apprezzamento", afferma Donato Capece, segretario generale del Sappe, la prima e più rappresentativa organizzazione di categoria. Capece sottolinea ancora una volta le criticità delle carceri molisane: "Campobasso ha una disponibilità regolamentare per 112 posti letto ma i presenti al 31 gennaio scorso erano 136, Isernia ha 70 posti letto occupati da 81 e Larino conta 293 detenuti per 219 posti regolamentari. E' evidente che questo sovraffollamento contribuisce ad acuire lo stress e le già gravose condizioni di lavoro dei poliziotti penitenziari e condiziona inevitabilmente la serenità all'interno delle sezioni detentive". A Roma un uomo di 30 anni è morto a Regina Coeli. Anche lui è stato trovato cadavere nella sua cella, nella IV sezione del penitenziario storico della Capitale. Il garante dei detenuti Angiolo Marroni ha spiegato: "La magistratura faccia luce su questo decesso, il secondo in meno di un mese a Regina Coeli. Si prenda atto che la struttura non è, ormai, più in grado di garantire condizioni di detenzione accettabili".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Papa
Papa: terrorismo ammala e deforma religione, non c'è Dio di odio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni