lunedì 05 dicembre | 13:39
pubblicato il 15/lug/2013 13:59

Carburanti: Cia, un litro 'verde' costa piu' del doppio di un litro latt

(ASCA) - Roma, 15 lug - Non si arresta l'ondata di rincari estivi dei carburanti e, con la punta di 1,887 euro toccata oggi, un litro di benzina alla pompa arriva a ''doppiare'' il prezzo di un litro di latte a lunga conservazione (0,89 euro) comprato in un qualsiasi supermercato del Paese. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori.

Questo nuovo susseguirsi di rialzi - avverte la Cia - rischia di stravolgere in maniera definitiva il carrello della spesa delle famiglie, considerata la stretta correlazione tra costo del trasporto e listini del cibo al dettaglio: in Italia, infatti, quasi 9 prodotti agroalimentari su dieci viaggiano su strada per arrivare dal campo alla tavola e la logistica incide fino al 40 per cento sul prezzo finale al supermercato.

Ma gli effetti di questi aumenti della benzina sul portafoglio non sono piu' sostenibili per gli italiani, che gia' hanno dovuto tagliare di netto la spesa alimentare nei primi mesi dell'anno, con un calo record del 3,4 per cento per colpa della crisi -ricorda la Cia -. Gia' adesso in media ogni famiglia destina quasi il 6 cento della spesa mensile a carburanti ed energia, mentre ad alimenti ''base'' come pane e pasta va solo il 3,2 per cento, e al pesce addirittura solo l'1,7 per cento.

cs-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari