giovedì 19 gennaio | 05:34
pubblicato il 05/lug/2011 16:42

Capri, si finge prete e chiede elemosina ai turisti: arrestato

L'uomo bloccato vicino alla piazzetta dalla Polizia municipale

Capri, si finge prete e chiede elemosina ai turisti: arrestato

Vestito da prete chiedeva l'elemosina a commercianti e turisti di una delle piazze più affollate d'Italia, quella di Capri. Qualcuno ingannato dall'abito gli ha dato un'offerta altri si sono insospettiti per il suo continuo girovagare nella zona. Alla fine l'uomo è stato fermato e arrestato dalla Polizia municipale in una via vicino alla famosa piazzetta mentre ancora si aggirava fingendosi un prete: senza documenti, ha dichiarato chiamarsi Padre Nicola, di avere 66 anni, di essere di origine slava e di risiedere in un campo rom vicino a Napoli. Su di lui pendeva anche un decreto di espulsione, per questo dopo essere stato allontanato dall'isola, dovrà presentarsi all'ufficio stranieri della questura di Napoli dove gli sarà notificato il nuovo ordine di espulsione.

Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina