lunedì 27 febbraio | 12:25
pubblicato il 06/dic/2011 12:34

Capri: dal primo gennaio scatta la tassa di soggiorno

I turisti pagheranno da due a cinque euro a notte

Capri: dal primo gennaio scatta la tassa di soggiorno

Capri (askanews) - Dai due ai cinque euro a persona a notte: è l imposta aggiuntiva dovranno pagare turisti e visitatori che pernotteranno a Capri dal prossimo primo gennaio. Scatta anche sull'isola azzurra, la tassa di soggiorno, già in vigore da tempo in numerose città d'arte e località turistiche italiane. Chi, infatti, deciderà di trascorrere qualche giorno nella terra dei Faraglioni dovrà pagare una tassa proporzionale al livello della struttura alberghiera. Il vicesindaco e assessore al turismo di Capri, Marino Lembo, spiega i soldi raccolti saranno impegnati per migliorare le strutture di accoglienza dei turisti.L obiettivo finale del Comune è l istituzione della tassa di sbarco che andrebbe a interessare i turisti pendolari e giornalieri e non soltanto coloro che soggiornano negli hotel.Esclusi dal contributo saranno soltanto i bambini.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech