lunedì 23 gennaio | 10:02
pubblicato il 11/mag/2013 11:57

Capri, 8 anni ai responsabili dell'omicidio di Stefano Federico

La corte d'Assise di Napoli ha ritenuto colpevoli i vigilantes

Capri, 8 anni ai responsabili dell'omicidio di Stefano Federico

Capri (askanews) - Sono stati condannati a 8 anni in primo grado per omicidio preterintenzionale i 4 addetti alla sicurezza del porto di Napoli, accusati di aver pestato fino alla morte Stefano Federico, il 32enne caprese morto per le percosse il 16 gennaio 2011. Secondo i giudici, dunque, furono loro a determinare la morte di Stefano, picchiandolo fino a ucciderlo dopo un normale controllo. Il commento di Gino Federico, papà di Stefano e di Marco, fratello della vittima e avvocato penalista."E' stata fatta un po' di giustizia - dice - forse noi in famiglia ci aspettavamo che venisse confermata la richiesta del Pm di 10 anni ma va bene così perché il processo è stato lungo"."Io ho pensato molto in questo periodo, in questo dolore, alle famiglie delle vittime che non sono riuscite ad avere un risultato favorevole come il nostro, penso al caso Cucchi, al caso Uva, al caso Aldovrandi, anche se in quei casi si trattava di forze dell'ordine, però dico che facendo una valutazione complessiva e oggettiva siamo un poco più sereni".In carcere sono finiti Marco Gargiulo, 35enne di Torre del Greco, Carlo Berriola, 43 anni di Portici, Armando D Avino, 32 anni di San Giorgio a Cremano e Vitale Minopoli, 45 anni di Napoli, dipendenti di una società privata che cura la sicurezza all'interno del porto partenopeo. Secondo gli inquirenti i 4 bloccarono Stefano mentre il giovane, forse in ritardo per l'imbarco, percorreva a passo svelto un tratto del molo, il cui accesso è interdetto. Dopo uno scambio di parole ci fu una colluttazione e Stefano, accerchiato e colpito, morì poco dopo.

Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4