domenica 26 febbraio | 06:35
pubblicato il 02/gen/2012 05:10

Capodanno di morti e feriti, mai così in 10 anni. Divieti inutili

Due vittime: nel napoletano e a Roma. Molti bambini in ospedale

Capodanno di morti e feriti, mai così in 10 anni. Divieti inutili

Roma, 2 gen. (askanews) - Nonostante le ordinanze di molti sindaci che avevano vietato i fuochi d'artificio, è stato un capodanno tra i più tragici degli ultimi anni dal punto di vista di morti e feriti. Il bilancio ufficiale fornito dalla polizia parla di due deceduti (nel napoletano e a Roma) e 561 persone in ospedale, con ferite anche gravi, dei quali 76 (il 13%) sono ragazzini sotto i dodici anni. Erano 10 anni (dal 2001: 4 morti e 800 feriti) che a capodanno non si registrava un numero di morti superiore a uno. Questa la serie storica dei bilanci di morti e feriti a capodanno nell'ultimo decennio: nel 2001 4 morti e 800 feriti; nel 2002 circa 550 feriti; nel 2003 un morto e circa 570 feriti; nel 2004 circa 580 feriti; nel 2005 circa 550 feriti; nel 2006 un morto e circa 580 feriti; nel 2007 circa 530 feriti; nel 2008 un morto e circa 470 feriti; nel 2009 un morto e circa 380 feriti; nel 2010 oltre 500 feriti; nel 2011 un morto e circa 500 feriti. La Campania, e il napoletano in particolare, si confermano anche quest'anno tra le zone più a rischio incidenti. Proprio nel territorio del capoluogo dal 2008 ci sono stati tre morti nella notte di capodanno. La scorsa notte il bilancio è salito a quattro morti in cinque anni, anche se quest'ultimo decesso - come altri in passato - non è direttamente legato ai fuochi d'artificio. A Casandrino, in provincia di Napoli, Marco D'Apice, 38 anni proprietario del ristorante 'Villa Alexus' in via Paolo Borsellino, è stato infatti ucciso da un colpo di pistola esploso in modo accidentale durante i festeggiamenti di fine anno, forse da qualcuno che si trovava nei pressi del suo locale. Sul luogo dell'incidente gli uomini della Scientifica hanno rinvenuto nove bossoli di pistola calibro 7,65, ma l'arma dalla quale sono stati esplosi i colpi non è stata ancora ritrovata. L'altra vittima a Roma, dove il sindaco Gianni Alemanno aveva deciso di non emanare un'ordinanza antibotti spiegando che sarebbe stata inutile, perchè nella capitale "le gesta più pericolose avvengono in una chiave abusivista" e comunque la città "ha sempre tenuto sotto controllo questo fenomeno".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech