mercoledì 25 gennaio | 00:53
pubblicato il 30/dic/2013 09:39

Capodanno: Coldiretti, per 7 italiani su 10 cenone a casa

Capodanno: Coldiretti, per 7 italiani su 10 cenone a casa

(ASCA) - Roma, 30 dic - Gli italiani spenderanno in media 66 euro per il cenone di Capodanno che quasi sette italiani su dieci (68 per cento) consumeranno a casa, divisi tra chi preferisce organizzare nella propria abitazione (28 per cento) e chi e' stato invitato da amici o parenti (40 per cento). E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti/Ixe'. In particolare - sottolinea la Coldiretti - il 47 per cento spendera' meno di 50 euro, il 26 per cento tra i 50 ed i 100 euro e il 14 per cento tra i 100 ed i 200 euro mentre una minoranza anche piu' di 200 euro. Aumenta la presenza dei prodotti Made in Italy piu' tradizionali dal cotechino (+9 per cento) alle lenticchie (+9 per cento), dalla frutta locale di stagione (+11 per cento) allo spumante (+11 per cento) mentre - sottolinea la Coldiretti - calano le mode esterofile del passato pagate a caro prezzo come le ostriche (-2 per cento), il caviale (-1 per cento) e la frutta fuori stagione come ciliegie e pesche (- 1 per cento). Lo spumante - precisa la Coldiretti - si conferma come il prodotto immancabile delle feste e sara' bevuto da quasi nove italiani su dieci (86 per cento) mentre appena l'11 per cento stappera' champagne. Segue a ruota il panettone al quale non rinunceranno piu' di 8 italiani su 10 (81 per cento) che vince di misura sul pandoro (prescelto dal 78 per cento). Aumentano - sostiene la Coldiretti - le lenticchie che, in un momento di difficolta', sono chiamate a portar fortuna nei piatti di dell'81 per cento delle famiglie insieme al cotechino o allo zampone presente nel 73 dei piatti. La frutta locale - continua la Coldiretti - con l'80 per cento delle preferenze vince su quella esotica o fuori stagione che quest'anno assaggeranno solo il 34 per cento degli italiani. Si abbandonano infatti le mode esterofile del passato con il 5 per cento di italiani che si permetteranno le ostriche e il 4 per cento il caviale. Il Made in Italy e' apprezzato anche all'estero con l'export di vini, spumanti, grappa e liquori, panettoni, formaggi, salumi e pasta per Natale che supera la cifra record di 2,7 miliardi di euro, sulla base delle proiezioni Coldiretti relative al mese di dicembre 2013. Ad aumentare - conclude la Coldiretti - e' il valore delle esportazioni di tutti i prodotti piu' tipici del Natale, dallo spumante (+16 per cento) ai panettoni (+14 per cento), ma crescono anche vini (+8 per cento), salumi (+5 per cento) (pasta (+4 per cento) e formaggi (+3 per cento).

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Maltempo
Recuperato altro corpo in hotel Rigopiano, vittime salgono a 16
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4