domenica 04 dicembre | 03:00
pubblicato il 15/dic/2012 12:26

Caos treni in Lombardia, ancora disagi tra disservizi e neve

Il problema informatico di Trenord non ancora risolto

Caos treni in Lombardia, ancora disagi tra disservizi e neve

Milano (askanews) - La neve dopo la tempesta informatica. Non c'è pace per i pendolari lombardi che, alla fine di una settimana orribile per disagi e disservizi dovuti ai problemi del nuovo sistema informatico per la gestione dei turni dei lavoratori di Trenord, hanno dovuto fare i conti anche con la neve, caduta abbondantemente anche a Milano, e che ha imbiancato binari e stazioni della provincia.Sui tabelloni degli orari, dunque, continuano a campeggiare indicazioni di alcuni treni in forte ritardo, anche se il loro numero, rispetto alle giornate precedenti, è decisamente più ridotto, così come quello dei convogli soppressi. Ma nelle stazioni milanesi continua a essere diffuso l'avviso, ormai probabilmente l'incubo peggiore per i pendolari, che avverte che il problema informatico di Trenord ancora non è stato risolto. E anche se il sabato è, ovviamente, un giorno in cui i treni pendolari viaggiano con affluenze festive, i problemi sembrano non essere ancora del tutto risolti. E la speranza di tutti è che si possa mettere presto la parola fine a una settimana che per i treni e i viaggiatori lombardi è stata, seppur sotto Natale, a tutti gli effetti una settimana di passione.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari