sabato 21 gennaio | 20:38
pubblicato il 28/feb/2013 14:37

Campania: Registro malattie rare attivo dal 2011. Censiti 7000 pazienti

(ASCA) - Napoli, 28 feb - Dal 2011 ad oggi in Campania sono stati registrati 5800 pazienti affetti da una delle 583 malattie classificate dal Ministero della Salute come patologie rare. Se si aggiungono i pazienti provenienti dalle altre regioni del Mezzogiorno, si arriva ad un totale di 7000 casi. I numeri - sicuramente preoccupanti - sono stati forniti oggi a Napoli nel corso di un Convegno-Dibattito sulle malattie rare promosso dall'Azienda ospedaliera universitaria di Napoli, in collaborazione con il Centro di coordinamento malattie rare dell'Universita' Federico II, diretto dal professor Generoso Andria. Nella Giornata internazionale delle malattie rare anche in Campania e' forte la mobilitazione delle Associazioni di pazienti malati rari e delle loro famiglie. Proprio dalle associazioni, dal mondo del volontariato, sale un grido d'allarme per la mancanza di fondi. E non solo. ''Occorre maggiore trasparenza nell'utilizzo dei(pochi) fondi disponibili. In ogni caso, occorrono piu' stanziamenti e l'attivazione di percorsi di collaborazione strutturati, per garantire il diritto alle cure oltre che la qualita' delle cure stesse'', spiega Orfeo Mazzella, presidente del Coremar campano, organismo che raggruppa una ventina di associazioni di malati rari attive sul territorio regionale. In Campania la rete regionale per la cura delle malattie rare e' stata istituita otto anni fa ed e' attualmente composta da 11 presidi territoriali, distribuiti su tutte e cinque le province. Il coordinamento regionale dei Centri di cura e' affidato al Dipartimento di pediatria dell'Universita' Federico II. Il Centro di coordinamento ed i presidi territoriali accolgono anche molti pazienti malati rari provenienti da altre regioni, in particolare dal Sud. Il Registro regionale delle malattie rare ha permesso di censire, dal 2011 ad oggi, oltre 2500 pazienti residenti fuori regione. In totale in Campania, nell'ultimo triennio, sono stati registrati circa 7000 pazienti malati rari. Una cifra, secondo i medici ed i ricercatori, destinata a crescere. ''Indubbiamente, dati i numeri - conferma il professore Andria - si tratta di una platea enorme, una realta' che non puo' essere sottovalutata.

Siamo di fronte ad un problema di 'sanita' pubblica' che va affrontato con decisione e con mezzi economici e risorse umane adeguati''.

bor/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4