giovedì 08 dicembre | 10:57
pubblicato il 01/feb/2013 17:23

Campania: Gdf, assunzioni e compensi indebiti alla Napoli servizi spa

(ASCA) - Napoli, 1 feb - Circa 1.553.000 euro. Ammonterebbe a questa cifra il danno arrecato alle casse della 'Napoli servizi S.p.a'. emerso a seguito di accertamenti eseguiti dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli, su delega dei Vice Procuratori della Corte dei Conti per la Campania, Pierpaolo Grasso e Ferruccio Capalbo. L'attivita' d'indagine, riferisce una nota delle Fiamme Gialle, e' stata inizialmente orientata a verificare alcune irregolarita' commesse nell'erogazione di alcuni superminimi a personale dipendente della 'Napoli servizi S.p.a', societa' interamente partecipata dal Comune di Napoli costituita nel 1999 per lo svolgimento in house dei servizi di pulizia ordinaria e straordinaria, custodia e manutenzione del patrimonio immobiliare e delle aree verdi del capoluogo partenopeo.

I primi riscontri documentali avrebbero consentito ai militari del Gruppo Tutela Spesa Pubblica di accertare l'indebita corresponsione, avvenuta tra il 2008 e il 2011, di indennita' accessorie ad alcuni dipendenti aziendali - per un importo complessivo di circa 695.000 euro - riconosciute e pagate, secondo gli inquirenti, in modo ingiustificato, senza cioe' predeterminare i criteri e/o indicare i particolari meriti lavorativi dei relativi beneficiari. I Finanzieri hanno poi esteso d'iniziativa i controlli anche ad altri aspetti della gestione societaria, consentendo in tal modo ulteriori approfondimenti alla Magistratura contabile, conclusi con la rilevazione di altre fattispecie di danno pubblico.

In particolare, sono state ricostruite le vicende relative all'assunzione diretta di alcuni funzionari aziendali nonche' dell'attuale Direttore Generale della Napoli servizi S.p.a., risultata anch'essa irregolare sotto diversi aspetti. Le Fiamme Gialle hanno cosi' appurato che quattro funzionari sono stati assunti, negli anni 2007-2008, senza osservare le precise direttive che il Comune di Napoli, con apposita delibera del 2007, aveva impartito a tutte le proprie societa' interamente partecipate in merito alle modalita' di selezione del relativo personale. La societa', infatti, ha proceduto alle assunzioni non solo senza alcuna preventiva programmazione e rilevazione dell'effettivo e concreto fabbisogno di personale, ma in assenza di ogni forma di pubblica selezione. Ne e' scaturito un danno all'Erario quantificato in circa 433.000 euro. Analoghe irregolarita' hanno riguardato anche l'assunzione di dirigenti a tempo indeterminato, l'assunzione di parenti e di altri soggetti legati a dirigenti o quadri dell'ente assuntore e ai rimborsi spese e gettoni di presenza ai consiglieri d'amministrazione della societa'.

red-gc/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni