lunedì 20 febbraio | 09:53
pubblicato il 23/ott/2011 13:28

Campania, Fai e Wwf: i disastri ambientali non sono "naturali"

"Le cause sono abusivismo, mancanza di risorse e condoni"

Campania, Fai e Wwf: i disastri ambientali non sono "naturali"

La mancanza di risorse per il territorio, abusivismo e condoni sono le vere cause dei dissesti idrogeologici in Campania. La denuncia arriva da Fai e Wwf dopo l'ennesima tragedia durante un'ondata di maltempo. Le due associazioni chiedono una presa di responsabilità dopo la morte della ragazza a Pollena Trocchia, travolta da un'ondata di fango e detriti. Il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo si dice consapevole dei rischi, ma sostiene: le risorse ci sono nonostante i tagli.Fai e Wwf ricordano che in Campania negli ultimi 10 anni sono sorte 60mila case abusive e che il governo fra il 2010 e il 2011 prima con un decreto ad hoc e poi con una proroga ha tentato di bloccarne la demolizione.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia