domenica 11 dicembre | 07:12
pubblicato il 23/ott/2011 13:28

Campania, Fai e Wwf: i disastri ambientali non sono "naturali"

"Le cause sono abusivismo, mancanza di risorse e condoni"

Campania, Fai e Wwf: i disastri ambientali non sono "naturali"

La mancanza di risorse per il territorio, abusivismo e condoni sono le vere cause dei dissesti idrogeologici in Campania. La denuncia arriva da Fai e Wwf dopo l'ennesima tragedia durante un'ondata di maltempo. Le due associazioni chiedono una presa di responsabilità dopo la morte della ragazza a Pollena Trocchia, travolta da un'ondata di fango e detriti. Il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo si dice consapevole dei rischi, ma sostiene: le risorse ci sono nonostante i tagli.Fai e Wwf ricordano che in Campania negli ultimi 10 anni sono sorte 60mila case abusive e che il governo fra il 2010 e il 2011 prima con un decreto ad hoc e poi con una proroga ha tentato di bloccarne la demolizione.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina