martedì 24 gennaio | 18:24
pubblicato il 25/mar/2014 09:31

Camorra: nuovo arresto per Carmine Schiavone, figlio del boss Sandokan

Camorra: nuovo arresto per Carmine Schiavone, figlio del boss Sandokan

(ASCA) - Napoli, 25 mar 2014 - Un altro colpo al clan camorristico dei Casalesi e' stato inferto dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Napoli che, sulla base delle indagini condotte dalla Squadra mobile di Caserta, ha richiesto e ottenuto dal tribunale del capoluogo partenopeo l'ordine di arresto di tre membri della cosca, incluso Schiavone Carmine - classe 1983 e figlio di Francesco, detto Sandokan - gia' in carcere, dove gli e' stato notificato il nuovo provvedimento restrittivo. Il secondo dei sette figli del boss, insieme a Pasquale Maurielo (cl. 1967) e' indagato per estorsione ai danni di una farmacia di San Cipriano d'Aversa (Ce). Il terzo, Carmine Ianuese (classe 1968) per ricettazione. Tutti i reati constestati - pecisa una nota - sono aggravati dal metodo mafioso e dal fine di agevolare l'organizzazione di stampo mafioso. Dalle indagini e' emerso, in particolare, che tra ottobre e novembre 2012, su mandato di Carmine Schiavone, il titolare della farmacia e' stato vittima dell'estorsione di una somma di 5000 euro, poi ridotta a 2500. La richiesta e' stata formulata materialmente dal Maurielo e dagli altri affiliati poi divenuti collaboratori di giustizia. Mentre - sempre in base all'ipotesi accusatoria accettata da giudice - il denaro, una volta ritirato, veniva consegnato allo Iaunese che, all'epoca dei fatti, ricopriva il ruolo di cassiere del sodalizio.

Come accennato, alla ricostruzione dei fatti hanno contribuito le dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia che, gia' arrestati per attivita' estorsive, hanno poi deciso di testimoniare avendo, peraltro, partecipato personalmente all'estorsione ai danni della farmacia.

Ne sono emersi - scrivono gli inquirenti - il ruolo apicale di Schiavone Carmine e della sua determinazione ad attuare una strategia criminale improntata su diffuse, sistematiche e continue attivita' estorsive sul territorio.

Le estorsioni venivano ritenute, infatti, sia una fonte indispensabile di finanziamento del sodalizio, sia un essenziale strumento di ''controllo sociale'', funzionale a perpetrare uno stato di assoggettamento della popolazione, stato che appariva in pericolo a causa dei successi investigativi conseguiti negli ultimi anni da Magistratura e Forze dell'ordine.

com-stt/sam/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4