mercoledì 18 gennaio | 18:04
pubblicato il 11/gen/2012 09:52

Camorra/ Nella notte nuovo agguato nel Napoletano, è faida

Ucciso pregiudicato a Melito, è il quarto morto in pochi giorni

Camorra/ Nella notte nuovo agguato nel Napoletano, è faida

Napoli, 11 gen. (askanews) - Nuovo agguato di stampo camorristico a Melito di Napoli. La scorsa notte è stato ucciso un pregiudicato 52enne, Patrizio Serrao, in via Umbria. Secondo i carabinieri che stanno indagando sul fatto, a ferire l'uomo, a poca distanza dalla sua abitazione, un colpo di pistola calibro 9 semiautomatica. A terra sono stati rinvenuti numerosi bossoli. La salma di Serrao è stata trasferita presso l'istituto di medicina legale del Secondo Policlinico di Napoli. L'omicidio consumato la scorsa notte è l'ennesimo agguato avvenuto a Melito, popoloso comune a nord di Napoli al confine con il quartiere partenopeo Secondigliano teatro negli anni scorsi di una violenta faida tra il gruppo dei Di Lauro e i cosiddetti 'Scissionisti'. Nel giro di appena una settimana sono stati quattro i morti a distanza di pochi chilometri l'uno dall'altro. Il primo, Rosario Tripicchio, è stato freddato a Giugliano in Campania il 5 gennaio. L'uomo, già noto alle forze dell'ordine, stava camminando nei pressi della propria casa quando fu raggiunto dai proiettili. L'8 gennaio furono rinvenuti due cadaveri carbonizzati all'interno di una Fiat Punto data alle fiamme in piazza Giovanni XXIII a Melito, di fronte al cimitero. Le vittime, due uomini, sono state probabilmente identificate ma per avere la certezza definitiva occorrerà aspettare il risultato dell'esame autoptico e l'esame delle loro arcate dentarie. Se le loro identità fossero confermate, i corpi senza vita apparterrebbero a due spacciatori ritenuti vicini al gruppo criminale degli 'Scissionisti' scomparsi proprio l'8 gennaio. I due, con molta probabilità, furono uccisi in un luogo diverso e poi trasportati nella vettura rubata alcuni mesi prima ad Afragola. La notte scorsa l'ennesima vittima. La pista che stanno seguendo gli investigatori è che gli omicidi si inseriscano nella faida in atto all'interno degli 'Scissionisti', gruppo che era riuscito a uscire vincitore dalla lunga scia di sangue che segnò la loro vittoria sul clan Di Lauro che, per anni, aveva avuto il predominio criminale sul quartiere Secondigliano e sulla vicina Melito.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sciame sismico dopo tre forti scosse di mattina in centro Italia
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Alla Luiss il primo corso di alimentazione sostenibile
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina