lunedì 20 febbraio | 05:57
pubblicato il 08/giu/2011 16:21

Camorra, la villa dove si nascondeva il boss Carmine Amato

Cani, vedette, botole e vie di fughe già pronte

Camorra, la villa dove si nascondeva il boss Carmine Amato

Una villa blindata e videosorvegliata, con di cani da guardia per vedetta, una via di fuga già stabilita da un balcone con la ringhiera tagliata e una botola di accesso al giardino: si presenta così il bunker dove si rifugiavano da almeno 15 giorni con mogli e figli Carmine Amato e Daniele D'Agnese, reggente e elemento di spicco del clan Amato-Pagano, arrestati dalla squadra mobile. Siamo sulla collina di Camaldoli, poco distante dalla discarica di Chiaiano e dal quartiere di Scampia. I due camorristi vivevano armati perchè temevano agguati e vendette: al momento dell'arresto non hanno però imposto resistenza. La particolarità del nascondiglio ha reso difficile l'operazione, come spiega Vittorio Pisani, capo della squadra mobile di Napoli.Amato è sempre stato l'uomo di fiducia del capoclan Raffaele Amato e, come nipote prediletto, aveva assunto le redini dell'organizzazione. Tra l'altro gestiva l'importazione di cocaina che riforniva la zona di Scampia.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia