lunedì 05 dicembre | 05:33
pubblicato il 08/giu/2011 16:21

Camorra, la villa dove si nascondeva il boss Carmine Amato

Cani, vedette, botole e vie di fughe già pronte

Camorra, la villa dove si nascondeva il boss Carmine Amato

Una villa blindata e videosorvegliata, con di cani da guardia per vedetta, una via di fuga già stabilita da un balcone con la ringhiera tagliata e una botola di accesso al giardino: si presenta così il bunker dove si rifugiavano da almeno 15 giorni con mogli e figli Carmine Amato e Daniele D'Agnese, reggente e elemento di spicco del clan Amato-Pagano, arrestati dalla squadra mobile. Siamo sulla collina di Camaldoli, poco distante dalla discarica di Chiaiano e dal quartiere di Scampia. I due camorristi vivevano armati perchè temevano agguati e vendette: al momento dell'arresto non hanno però imposto resistenza. La particolarità del nascondiglio ha reso difficile l'operazione, come spiega Vittorio Pisani, capo della squadra mobile di Napoli.Amato è sempre stato l'uomo di fiducia del capoclan Raffaele Amato e, come nipote prediletto, aveva assunto le redini dell'organizzazione. Tra l'altro gestiva l'importazione di cocaina che riforniva la zona di Scampia.

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari