martedì 17 gennaio | 01:41
pubblicato il 01/ott/2011 14:38

Camorra/'Il boss è pentito,si sposa',blitz del clan in redazione

Intimidazione al quotidiano Metropolis di Torre Annunziata

Camorra/'Il boss è pentito,si sposa',blitz del clan in redazione

Roma, 1 ott. (askanews) - Il giornale racconta che un un boss della camorra si è pentito e ora si sposa, in carcere, e qualche suo famigliare fa irruzione nella redazione, chiedendo di ritirare il quotidiano dalla vendita, mentre altri fanno il giro delle edicole strappando le locandine del giornale. successo stamattina tra Torre Annunziata e a Castellamare, nel napoletano. proprio il sito internet di Metropolis Quotidiano, testata diffusa in tutti i comuni delle province di Napoli e Salerno, a raccontare l'accaduto, parlando di un "grave atto di intimidazione". Stamattina - si legge sul portale del giornale - l'edizione Sud del giornale riportava in prima pagina la notizia delle nozze in carcere del pentito Salvatore Belviso, del clan D'Alessandro. Intorno alle 6.30 di stamattina alcuni familiari si sono recati presso la sede della redazione, chiedendo di ritirare il giornale dalle edicole e di bloccare la messa in onda della prima pagina dell'edizione Sud nel corso della rassegna stampa del mattino di Metropolis Tv. Contemporaneamente le edicole di Castellammare non esponevano la locandina del quotidiano: sin dalle prime ore del mattino il giornale non è stato venduto in tutte della città di Castellammare. Alcune persone hanno fatto il giro delle edicole strappando le locandine e imponendo che Metropolis non venisse venduto. L'episodio è stato denunciato dal direttore responsabile Giuseppe Del Gaudio ai carabinieri di Torre Annunziata, che sul caso hanno aperto un'inchiesta. "E' un episodio gravissimo - dichiara il direttore Giuseppe Del Gaudio - E' una vera e propria intimidazione che mira a limitare la libertà di stampa. Questo gesto non fermerà il nostro lavoro di cronisti che hanno sempre raccontato i fatti del nostro territorio". Salvatore Belviso, cugino del capoclan Vincenzo D'Alessandro e ritenuto suo braccio destro per gli affari illeciti nel territorio di Castellammare di Stabia, era stato fermato il 10 ottobre del 2009 con l'accusa di essere uno dei presunti autori dell'omicidio di Luigi Tommasino, il consigliere comunale del Pd ucciso il 3 febbraio dello stesso anno sempre a Castellammare.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
L'Italia difende Fca dalle accuse tedesche: le sue auto sono in regola
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello