venerdì 20 gennaio | 21:09
pubblicato il 08/lug/2013 11:15

Camorra: Gdf, sequestrati beni per oltre 50 mln a clan Mallardo

Camorra: Gdf, sequestrati beni per oltre 50 mln a clan Mallardo

(ASCA) - Roma, 8 lug - I finanzieri del gruppo investigativo criminalita' organizzata (Gico) hanno sequestrato oggi beni mobili ed immobili per un valore complessivo di oltre 50 milioni di euro riconducibili al sodalizio criminale organizzato dai fratelli Michele, Giuliano e Luigi Ascione, indiziati di contiguita' al clan Mallardo, per conto del quale avrebbero costituito una cellula economica operante, prevalentemente, nel territorio del basso Lazio. E' quanto si legge in una nota diffusa dal comando generale della guardia di finanza dalla quale si apprende, inoltre, che le indagini, coordinate dal procuratore della Repubblica Giuseppe Pignatone e dai sostituti procuratori della Dda di Roma Lina Cusano, Maria Cristina Palaia e Barbara Sargenti, anche nel quadro della collaborazione da tempo avviata con la Dda di Napoli, hanno consentito di accertare la costante ed inarrestabile ascesa dei fratelli Ascione, noti imprenditori campani, attraverso rapporti dai reciproci vantaggi con esponenti di spicco del noto clan di camorra Mallardo. Da quanto riferito dalla Gdf, gli Ascione hanno costituito uno stabile e ben ramificato ''sodalizio criminale'', strategicamente inserito in un ''sistema criminogeno'' di piu' ampia portata, rappresentato dal clan Mallardo, al quale sono risultati essere legati da uno stretto ''pactum sceleris'', riferito principalmente al reimpiego di proventi illeciti nel circuito economico legale, attraverso societa' operanti nel settore del commercio delle automobili per poi investire in societa' operanti nel settore delle costruzioni e dell'intermediazione immobiliare.

Tra gli altri, i collaboratori di giustizia Vassallo Gaetano, Izzo Salvatore ed Amatrudi Massimo hanno reso specifiche dichiarazioni circa i collegamenti correnti tra il ''gruppo Dell'Aquila'' e il ''gruppo Ascione''. Piu' precisamente, i collaboratori hanno indicato i fratelli Ascione come intranei al clan Mallardo, direttamente legati ai capiclan Francesco e Giuseppe. Gli Ascione operavano in stretta e sinergica collaborazione con il gruppo Dell'Aquila, in particolare con Domenico, alias ''Menicuccio'', con il quale divenivano soci in affari.

I risultati delle indagini sono stati tradotti al tribunale di Latina, il quale, condividendo l'impianto accusatorio prospettato dalla Dda di Roma ha disposto il sequestro del patrimonio aziendale e relativi beni di 5 societa', con sede nella provincia di Latina, Napoli, di cui 2 operanti nel settore delle costruzioni di edifici, una nella locazione di immobili, una nel commercio di autoveicoli e una nel settore dell'intermediazione immobiliare. Inoltre, e' stato predisposto il sequestro delle quote societarie di una societa' in provincia di Napoli operante nella gestione di stabilimenti balneari, di 112 immobili (tra Latina, Napoli, Cosenza), di 175 auto/motoveicoli e di un'imbarcazione e, infine, di numerosi rapporti bancari/postali/assicurativi/azioni. Il tutto, per un valore complessivo pari ad oltre 50 milioni. Per l'operazione, sono stati impiegati oltre 100 finanzieri in Lazio, Campania, Sicilia e Calabria. red/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: morti accertati sono solo 2
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4