domenica 04 dicembre | 20:06
pubblicato il 24/gen/2013 12:09

Camorra: Dna, e' il piu' cruento sodalizio mafioso

Camorra: Dna, e' il piu' cruento sodalizio mafioso

(ASCA) - Roma, 24 gen - ''La camorra e' senza dubbio, tra i sodalizi mafiosi, il piu' cruento''. Lo si legge nella relazione annuale della Direzione nazionale antimafia, l'ultima firmata dal procuratore Piero Grasso oggi candidato con il Pd alle prossime elezioni, riferita al periodo luglio 2011-giugno 2012.

Ci sono due eventi, si legge nella relazione, che possono essere considerati emblematici per fornire un'efficace chiave di lettura su cosa rappresentino oggi le organizzazioni camorristiche e su quali piani si muovano le agenzie di contrasto in questa recente stagione: ''La fine della latitanza del noto Michele Zagaria e la morte dell'assai meno conosciuto Pasquale Romano''. ''A volerli considerare superficialmente, - prosegue - v'e' un tratto che sembrerebbe accomunarli: le organizzazioni camorristiche, i loro massimi dirigenti, ma anche coloro che piu' semplicemente sono presenti nelle strade ad esercitare violenza ed intimidazione, riescono a nascondersi per anni, ad imporre sistematicamente pressioni estorsive, ad organizzare piazze di spaccio per alimentare il mercato degli stupefacenti, a condizionare appalti o a controllare amministrazioni locali, ad uccidere con una frequenza impressionante''.

dab/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari