giovedì 19 gennaio | 15:12
pubblicato il 17/apr/2013 18:23

Camorra: De Magistris visita terra confiscata, fatto rivoluzionario

(ASCA) - Napoli, 17 apr - ''Questo terreno apparteneva ad una famiglia di camorristi molto potente, affiliata anche a cosa nostra. Oggi stare qui, su questo bene appartenuto ad un clan e restituito ai cittadini, e' un fatto rivoluzionario. Qui vicino c'era una discarica, quella di Chiaiano, contro cui la battaglia e' stata solo provvisoriamente vinta. Dico provvisoriamente perche', quasi due anni fa, il governo e lo stato volevano realizzare una mega discarica da 2 milioni di tonnellate di rifiuti che doveva insistere su Chiaiano, Mugnano, Marano e Quarto. Allora ho detto: finche' saro' sindaco, questo progetto non fara' un centimetro in piu' delle vostre bocche''. Lo dice il sindaco di Napoli Luigi De Magistris che oggi, insieme agli assessori Palmieri e Clemente, ha visitato il Fondo rustico Selva Lacandona-Amato Lamberti, un terreno a Chiaiano, confiscato e ora affidato all'associazione Resistenza anti-camorra che, questa mattina, ha organizzato una visita al fondo insieme ai ragazzi impegnati dalla cooperativa Don Peppe Diana, agli studenti dell'Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione ''Alberini'' di Treviso e l'Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione Vittorio Veneto di Scampia. ''La battaglia pero' - ha aggiunto il sindaco - la devono compiere soprattutto i cittadini: i sindaci passano, le comunita' resistenti no. Questa iniziativa ha un importante aspetto economico oltre che sociale, perche' dimostra che si possono produrre beni ed economia dal basso, se il territorio viene difeso e preservato, invece che consumato e sfruttato, come pensano quanti vogliono aprire le discariche. Questo e' un altro modello di sviluppo rispetto al consumismo e al capitalismo, attualmente in crisi. Questo e' un modello rivoluzionario: la difesa e la riappropriazione della terra, che viene sottratta alla camorra e riconsegnata ai cittadini che producono economia dal basso, producono beni attraverso anche la creazione di orti sociali''. ''E' importante - ha concluso De Magistris - che i ragazzi che oggi sono qui - alcuni vengono da Treviso mentre altri sono di Scampia - diffondano cio' che hanno visto affinche' nascano tante altre esperienze di riappropriazione della terra e di spazio pubblico da parte dei cittadini''.

com/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Allarme Clima, il 2016 è stato l'anno più caldo di sempre
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale