giovedì 23 febbraio | 02:51
pubblicato il 17/apr/2013 18:23

Camorra: De Magistris visita terra confiscata, fatto rivoluzionario

(ASCA) - Napoli, 17 apr - ''Questo terreno apparteneva ad una famiglia di camorristi molto potente, affiliata anche a cosa nostra. Oggi stare qui, su questo bene appartenuto ad un clan e restituito ai cittadini, e' un fatto rivoluzionario. Qui vicino c'era una discarica, quella di Chiaiano, contro cui la battaglia e' stata solo provvisoriamente vinta. Dico provvisoriamente perche', quasi due anni fa, il governo e lo stato volevano realizzare una mega discarica da 2 milioni di tonnellate di rifiuti che doveva insistere su Chiaiano, Mugnano, Marano e Quarto. Allora ho detto: finche' saro' sindaco, questo progetto non fara' un centimetro in piu' delle vostre bocche''. Lo dice il sindaco di Napoli Luigi De Magistris che oggi, insieme agli assessori Palmieri e Clemente, ha visitato il Fondo rustico Selva Lacandona-Amato Lamberti, un terreno a Chiaiano, confiscato e ora affidato all'associazione Resistenza anti-camorra che, questa mattina, ha organizzato una visita al fondo insieme ai ragazzi impegnati dalla cooperativa Don Peppe Diana, agli studenti dell'Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione ''Alberini'' di Treviso e l'Istituto Professionale per i Servizi Alberghieri e della Ristorazione Vittorio Veneto di Scampia. ''La battaglia pero' - ha aggiunto il sindaco - la devono compiere soprattutto i cittadini: i sindaci passano, le comunita' resistenti no. Questa iniziativa ha un importante aspetto economico oltre che sociale, perche' dimostra che si possono produrre beni ed economia dal basso, se il territorio viene difeso e preservato, invece che consumato e sfruttato, come pensano quanti vogliono aprire le discariche. Questo e' un altro modello di sviluppo rispetto al consumismo e al capitalismo, attualmente in crisi. Questo e' un modello rivoluzionario: la difesa e la riappropriazione della terra, che viene sottratta alla camorra e riconsegnata ai cittadini che producono economia dal basso, producono beni attraverso anche la creazione di orti sociali''. ''E' importante - ha concluso De Magistris - che i ragazzi che oggi sono qui - alcuni vengono da Treviso mentre altri sono di Scampia - diffondano cio' che hanno visto affinche' nascano tante altre esperienze di riappropriazione della terra e di spazio pubblico da parte dei cittadini''.

com/gc

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech