giovedì 08 dicembre | 03:16
pubblicato il 29/nov/2012 21:58

Camorra/ Clan Casalesi imponeva neomelodici a feste e tv

Nel Casertano eseguite 12 ordinanze cautelari

Napoli, 1 dic. (askanews) - Imponevano a ristoratori, organizzatori di comitati per feste patronali o di piazza e titolari di emittenti televisive locali l'ingaggio di cantanti neomelodici per prestazioni canore il cui compenso veniva solo in parte devoluto all'artista, dal momento che l'incasso era destinato in larga parte alle casse del clan o ai singoli affiliati. E' emerso anche questo nel corso delle indagini che, all'alba, hanno portato all'esecuzione di 12 ordinanze di custodia cautelare, 10 in carcere e due ai domiciliari, nei confronti di altrettanti esponenti del clan dei Casalesi-fazione Schiavone. L'operazione, eseguita dai carabinieri del Nucleo investigativo di Caserta, è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. I reati contestati agli indagati sono, a vario titolo, associazione di tipo mafioso, estorsioni, porto e detenzione illegale di armi da fuoco e cessione di sostanze stupefacenti, tutti aggravati dalla finalità mafiosa. Numerosi i neomelodici 'imposti' nelle feste o in tv: oltre alla compagna dell'arrestato Gaetano De Biase, Rita Ferrara in arte Ida D'Amore, ci sono Franco D'Amore, cugino di Rita, Nico Desideri, Ciro Riggione, Nico D'Ambrosio, Tony Calice, Mauro Landi, Flavio Marino e Giovanna Romano. Nel corso delle indagini, che hanno trovato riscontro nelle dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia, è stato anche accertato che molti degli destinatari dei provvedimenti cautelari, capeggiati da Gaetano De Biase e Pietro Falcone, non si limitavano a imporre le tangenti con il metodo 'classico', ma costringevano anche i titolari di attività commerciali ad acquistare gadget pubblicitari come calendari, agende, penne e accendini a un prezzo superiore a quello di mercato. Il rincaro, rispetto all'ordinaria fornitura, era di circa il 150% consentendo al clan, nel solo periodo natalizio, di far rimpinguare le casse dell'organizzazione criminale dai 150mila ai 200mila euro. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni