martedì 24 gennaio | 18:29
pubblicato il 08/giu/2011 22:13

Calcioscommesse/ Signori nega tutto. Scommesse? In tabaccheria

L'attaccante: Foglio con regole per puntare? Solo un promemoria

Calcioscommesse/ Signori nega tutto. Scommesse? In tabaccheria

Cremona, 8 giu. (askanews) - "Non ho mai giocato, al massimo ho scommesso 3-400 euro in tabaccheria". Di fronte al Gip di Cremona Guido Salvini, nel corso dell'interrogatorio di garanzia di oggi, Beppe Signori ha negato ogni addebito, respingendo persino l'idea che a lui piaccia scommettere. Secondo i suoi avvocati, Silvio Caroli e Alfonso De Amicis, oggi non si è parlato dell'associazione a delinquere costata gli arresti domiciliari all'ex attaccante della Nazionale, ma principalmente dell'incontro del 15 marzo scorso dei "bolognesi" nello studio del capoluogo emiliano dei suoi ex commercialisti Francesco Giannone e Manlio Bruni. Un episodio chiave: secondo quanto emerso dalle indagini si trattava della riunione della cricca bolognese per decidere le combine e l'entità delle scommesse, per i difensori invece una sorta di trappola per chiedere denaro all'abbiente Signori. "I due commercialisti avevano invitato Signori dicendogli che gli dovevano presentare due persone, Massimo Erodiani e Antonio Bellavista, che poi gli hanno fatto la proposta di fornire 30/40mila euro per corrompere alcuni giocatori per la partita Inter-Lecce, una proposta illecita di fronte alla quale Signori ha risposto immediatamente con un secco no". "Non ho fatto nulla, non ho mai partecipato a riunioni per manipolare le partite, non conosco Erodiani e Bellavista, non ho mai visto gli assegni che avete sequestrato" ha dichiarato al Gip, tanto che il Procuatore Roberto Di Martino, ore dopo, ha definito l'interrogatorio "interlocutorio". Del resto, l'ex commercialista dello storico bomber, Manlio Bruni aveva detto chiaramente che era Signori l'intermediario con i potenti scommettitori di Singapore a cui garantiva "di avere gli assegni in mano", tanto che dopo la mancata vincita per Inter-Lecce informò gli altri bolognesi che gli asiatici "venissero a dargli una lezione". Senza parlare di quel foglio manoscritto sequestrato nell'abitazione dell'ex capitano di Bologna e Lazio, un elenco che per gli investigatori riporta in modo dettagliato e fedele le regole per le scommesse con le indicazione imposte dagli asiatici per accettare le puntate e di fronte al quale il calciatore si difeso sostenendo più o meno che "si tratta solo di un promemoria sul quale ho annotato l'offerta che mi avevano fatto Erodiani e Bellavista e che ho scritto su dettatura di Bellavista".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Giustizia
Giustizia, da incontro Anm-Ministro Orlando nessun effetto
Altre sezioni
Salute e Benessere
Al via Peter Baby Bio, progetto toscano per omogeneizzati Km zero
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4