domenica 04 dicembre | 21:28
pubblicato il 08/nov/2011 13:11

Calciopoli/ La sentenza attesa per stasera alle 20

Chiuso il dibattimento: giudici in camera di consiglio

Calciopoli/ La sentenza attesa per stasera alle 20

Napoli, 8 nov. (askanews) - attesa per questa sera la sentenza che chiuderà in primo grado il capitolo giudiziario più scottante degli ultimi anni del mondo del calcio: il filone Calciopoli che vede tra gli imputati l'ex dg della Juventus Luciano Moggi. Il presidente della nona sezione del tribunale di Napoli, il giudice Teresa Casoria, ha dichiarato concluso per oggi il dibattimento. I giudici si sono ritirati in camera di consiglio e si prevede la lettura del dispositivo verso le 20. Prima della chiusura del dibattimento ci sono stati interventi e repliche da parte dei difensori e pubblico ministero. Ha parlato il pm Capuano, sono intervenuti Moggi tramite il suo legale, l'avvocato Paolo Trofino e gli avvocati Morestanti per l'ex arbitro Paolo Bergamo, l'avvocato Forgiuele per Diego e Andrea Della Valle, presidente e vicepresidente della Fiorentina, l'avvocato Gallinelli che segue l'ex arbitro De Santis. L'inchiesta, condotta dalla procura di Napoli, culminò nel 2006 e alzò il velo su un giro di combine che coinvolsero diverse società sportive del calcio professionista di Serie A. Si è trattato in ordine di tempo del terzo scandalo del mondo del calcio.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari