lunedì 20 febbraio | 05:32
pubblicato il 08/nov/2011 19:58

Calabria, le mani della cosca Crucitti su imprese e politica

Carabinieri di Reggio Calabria arrestano 8 persone

Calabria, le mani della cosca Crucitti su imprese e politica

La cosca Crucitti si è infiltrata nel settore dell'edilizia e dell'alimentare e poi, con la leva del potere economico, ha provato a condizionare la politica di Reggio Calabria. E' quanto emerso da un'indagine dei carabinieri del comando provinciale di Reggio che ha portato all'arresto di 8 persone, accusate di essere vicine alla cosca Crucitti e responsabili a vario titolo dei reati di associazione di tipo mafioso, intestazione fittizia di beni, bancarotta fraudolenta. Secondo quanto si legge nell'ordinanza, durante le amministrative del 2007 il boss Santo Crucitti si sarebbe impegnato per dirottare le preferenze elettorali a favore dell'attuale assessore ai lavori pubblici Pasquale Morisani, comunque non iscritto nel registro degli indagati, ai tempi candidato al consiglio comunale in una lista civica in appoggio all'attuale presidente della Regione Giuseppe Scopelliti.

Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia