domenica 26 febbraio | 07:01
pubblicato il 30/giu/2011 13:10

Calabria, il basket per crescere lontano dalla criminalità

Brancaleone ospita il raduno Tartacamp

Calabria, il basket per crescere lontano dalla criminalità

Cestisti in erba in campo in Calabria: la Locride ospita "Tartacamp", raduno di una settimana al villaggio Altalia di Brancaleone, appuntamento per tanti ragazzini per cimentarsi con il basket. Tra i giocatori protagonisti c'è Francesco Candussi, gioiellino dell'Aibi Fogliano, che ha già gli occhi dei collage americani puntati addosso.Francesco, classe 1994, ha debuttato con la Nazionale under 16 nel Torneo Internazionale di Cisternino del luglio 2009, e ha preso parte all'Europeo di categoria in Lituania. In questa stagione, con la maglia azzurra ha messo a segno 165 punti in 17 gare. Nonostante i risultati, non si sente un fenomeno.Il futuro, nella sua testa, è ben chiaro.Per tutti gli altri ragazzi la pallacanestro è un modo per crescere lontano da droga e criminalità: una lezione di vita, anche se non diventeranno campioni.

Gli articoli più letti
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech