domenica 19 febbraio | 17:39
pubblicato il 30/set/2011 16:14

Cala la disoccupazione in Italia al 7,9% della forza lavoro

Per i giovani, tuttavia, resta ancora difficile trovare lavoro

Cala la disoccupazione in Italia al 7,9% della forza lavoro

Milano, 30 set. (askanews) - Secondo gli ultimi dati Istat cala ad agosto il tasso di disoccupazione che si attesta al 7,9%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto a luglio e di 0,4 punti percentuali su base annua. Cresce, tuttavia, la disoccupazione dei giovani. Il tasso di disoccupazione giovanile del mese scorso è pari infatti al 27,6%, con un aumento congiunturale di 0,1 punti percentuali. Lo comunica l'Istat. Nel secondo trimestre invece il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni scende dal 27,9% del secondo trimestre 2010 al 27,4% del secondo trimestre del 2001. Ad agosto gli occupati sono circa 23 milioni, in aumento dello 0,1% (26mila unità) rispetto a luglio. Nel confronto con lo stesso mese dell'anno precedente l'occupazione aumenta dello 0,8% (191mila unità). La crescita degli occupati riguarda "solo la componente maschile". Il tasso di occupazione si attesta al 57%, in aumento di 0,1 punti percentuali nel confronto congiunturale e di 0,3 punti in termini tendenziali. Per quanto riguarda il numero dei disoccupati, pari a quasi due milioni (1.965mila), diminuisce dell'1,8% (-36mila unità) rispetto a luglio. La flessione riguarda sia la componente maschile sia quella femminile. Su base annua il numero di disoccupati diminuisce del 4% (-83mila unità). Infine, gli inattivi tra i 15 e i 64 anni non registrano variazioni rispetto al mese precedente e anche il tasso di inattività rimane stabile al 38%. Per quanto riguarda la disoccupazione di lunga durata, si tratta, ha spiegato l'Istituto, del dato più alto dal secondo trimestre del 1993. Per contro, sempre nel secondo trimestre del 2011, scende il tasso di disoccupazione al 7,8% dall'8,3% dello stesso periodo del 2010. Il numero di disoccupati registra una riduzione su base tendenziale (-7%, pari a -146mila unità). La discesa riguarda sia le donne sia, soprattutto, gli uomini ed è "particolarmente rilevante nel Centro-Nord". In confronto al recente passato, la riduzione dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato è più contenuta (-0,1%, pari a -19mila unità), mentre continua a crescere il numero dei dipendenti a termine (+6,8%, pari a 149mila unità), in gran parte nell'industria in senso stretto. http://www.istat.it/it/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia