martedì 24 gennaio | 00:46
pubblicato il 30/set/2011 16:14

Cala la disoccupazione in Italia al 7,9% della forza lavoro

Per i giovani, tuttavia, resta ancora difficile trovare lavoro

Cala la disoccupazione in Italia al 7,9% della forza lavoro

Milano, 30 set. (askanews) - Secondo gli ultimi dati Istat cala ad agosto il tasso di disoccupazione che si attesta al 7,9%, in diminuzione di 0,1 punti percentuali rispetto a luglio e di 0,4 punti percentuali su base annua. Cresce, tuttavia, la disoccupazione dei giovani. Il tasso di disoccupazione giovanile del mese scorso è pari infatti al 27,6%, con un aumento congiunturale di 0,1 punti percentuali. Lo comunica l'Istat. Nel secondo trimestre invece il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni scende dal 27,9% del secondo trimestre 2010 al 27,4% del secondo trimestre del 2001. Ad agosto gli occupati sono circa 23 milioni, in aumento dello 0,1% (26mila unità) rispetto a luglio. Nel confronto con lo stesso mese dell'anno precedente l'occupazione aumenta dello 0,8% (191mila unità). La crescita degli occupati riguarda "solo la componente maschile". Il tasso di occupazione si attesta al 57%, in aumento di 0,1 punti percentuali nel confronto congiunturale e di 0,3 punti in termini tendenziali. Per quanto riguarda il numero dei disoccupati, pari a quasi due milioni (1.965mila), diminuisce dell'1,8% (-36mila unità) rispetto a luglio. La flessione riguarda sia la componente maschile sia quella femminile. Su base annua il numero di disoccupati diminuisce del 4% (-83mila unità). Infine, gli inattivi tra i 15 e i 64 anni non registrano variazioni rispetto al mese precedente e anche il tasso di inattività rimane stabile al 38%. Per quanto riguarda la disoccupazione di lunga durata, si tratta, ha spiegato l'Istituto, del dato più alto dal secondo trimestre del 1993. Per contro, sempre nel secondo trimestre del 2011, scende il tasso di disoccupazione al 7,8% dall'8,3% dello stesso periodo del 2010. Il numero di disoccupati registra una riduzione su base tendenziale (-7%, pari a -146mila unità). La discesa riguarda sia le donne sia, soprattutto, gli uomini ed è "particolarmente rilevante nel Centro-Nord". In confronto al recente passato, la riduzione dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato è più contenuta (-0,1%, pari a -19mila unità), mentre continua a crescere il numero dei dipendenti a termine (+6,8%, pari a 149mila unità), in gran parte nell'industria in senso stretto. http://www.istat.it/it/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4