sabato 21 gennaio | 14:20
pubblicato il 31/gen/2012 05:10

Caccia/ Stop a doppiette, si chiude stagione venatoria

Si è sparato meno rispetto al passato. Molte regioni fuori legge

Caccia/ Stop a doppiette, si chiude stagione venatoria

Roma, 31 gen. (askanews) - Si chiude ufficialmente oggi, 31 gennaio, la stagione venatoria 2011-2012. Quest'anno, spiega l'Enpa, si è sparato meno rispetto al passato: alcune regioni hanno infatti compiuto un percorso di adeguamento nei confronti della legge nazionale sulla tutela della fauna selvatica 157/92, modificata un anno e mezzo fa per renderla conforme alla direttiva europea che impone il divieto di sparare durante la fase di migrazione pre nuziale o quella di dipendenza dei piccoli nati dai genitori. Sicilia, Calabria, Puglia, Basilicata, Campania hanno adottato calendari ridotti, per tempi e per alcune specie, suscitando spesso l'ira della controparte. Altre regioni, invece, "ignorando leggi e normative nazionali ed europee, sentenze dei Tar e del Consiglio di Stato, ma anche le procedure d'infrazione a carico del nostro Paese, continuano ad emanare calendari venatori illegittimi, ricorrendo spesso ad espedienti per impedire l'impugnativa delle associazioni animaliste ed ambientaliste". E' il caso, ad esempio, dei calendari approvati per legge, impugnabili soltanto dal Governo, o di quelli varati con delibere "last minute" con effetto immediato. La Regione Lazio, aggiunge l'Enpa, ha seguito proprio quest'ultima strada per prolungare la stagione venatoria, per alcune specie, fino alla prima decade di febbraio. L'Enpa e le altre associazioni animaliste e ambientaliste hanno però cambiato strategia e il caso della Sardegna, che ha riadottato un calendario venatorio palesemente illegittimo ignorando la sentenza del Tar e del Consiglio di Stato che ne accertava le violazioni, è emblematico. Infatti, è stata depositata una denuncia penale presso la Procura della Repubblica di Cagliari nei confronti di chi lo ha avallato; una procedura che - avvertono gli ambientalisti - si ripeterà in casi analoghi nei confronti di amministratori e funzionari delle altre regioni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4