sabato 03 dicembre | 13:14
pubblicato il 17/set/2012 18:27

Caccia/ Il primo giorno 6 feriti e un morto, l'Aidaa: Una strage

"A soccombere non sono stati solo migliaia di inermi animali"

Caccia/ Il primo giorno 6 feriti e un morto, l'Aidaa: Una strage

Roma, 17 set. (askanews) - "Sei cacciatori feriti e uno morto: è questo il bilancio di una strage annunciata della del primo giorno di caccia, dove a soccombere non sono stati solamente migliaia di inermi animali ammazzati a fucilate ma anche gli stessi cacciatori che come ogni anno imbracciano il fucile pensando di trasformarsi in Rambo della doppietta". Lo dice in una nota l'Associazione italiana difesa animali ed ambiente (Aidaa). "Veneto, Toscana, Marche ed Emilia Romagna le regioni in cui i cacciatori sono rimasti vittime dei loro fucili. Nelle Marche ad essere ferito è stato un 25enne della provincia di Pesaro. Due i feriti in Toscana, uno dei due è caduto da un altana e ci sono voluti i volontari armati di funi e santa pazienza per recuperarlo, mentre il secondo è rimasto ferito ad una gamba da un colpo di fucile partito da un compagno di caccia, vicenda questa su cui indagano i carabinieri. Sempre un toscano vittima di una fucilata che lo ha preso di striscio mentre stava cacciando a Gualtieri in provincia di Reggio Emilia. L'uomo se l'è cavata con poco". (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari