domenica 11 dicembre | 08:00
pubblicato il 17/set/2011 05:14

Caccia/ Domani si torna a sparare, animalisti sul piede di guerra

"Basta violenza, Regioni applichino legge". Oggi corteo a Torino

Caccia/ Domani si torna a sparare, animalisti sul piede di guerra

Roma, 17 set. (askanews) - Come ogni anno, la terza domenica di settembre si apre la stagione venatoria e si torna a sparare nei boschi, nelle campagne e in molte nelle aree verdi delle nostre regioni. Stagione che riparte tra le polemiche, con le associazioni animaliste e ambientaliste che chiedono un definitivo stop o almeno una forte limitazione della caccia e denunciano come diverse Regioni non applichino le nuove norme comunitarie, che tra l'altro prevedono il divieto di caccia agli uccelli durante la fase della migrazione e della riproduzione e l'esclusione dalla lista delle specie cacciabili per quelle che sono in stato di conservazione sfavorevole. "Molte regioni tra cui l'Umbria, il Lazio, la Toscana, la Liguria, la Sardegna, hanno completamente ignorato le novità normative introdotte con la legge Comunitaria dello scorso anno e le indicazioni scientifiche fornite dall'Ispra - dice il presidente Lipu Fulvio Mamone Capria - e ancor più sconcertante è il fatto che queste regioni abbiano deliberatamente ignorato anche l'accordo per l'applicazione della nuova normativa, raggiunto dal tavolo della conferenza delle Regioni cui avevano partecipato Ispra, ambientalisti, cacciatori, agricoltori e le regioni stesse". Per l'Enpa (Ente nazionale protezione animali) "anche quest'anno, tra merli, tordi, anatre selvatiche e altre specie rare saranno milioni gli animali uccisi. Sembrerebbe che nel corso degli anni lo scenario sia rimasto quasi immutato, ma non è così. La situazione italiana richiede un grande sforzo comune che non si può certo sostanziare nella risposta del Parlamento con il sub-emendamento presentato del senatore Molinari dell'Api, che, attraverso lo strumento del 'controllo faunistico', vorrebbe aprire a una deregulation venatoria anche per le specie protette in tutto il territorio nazionale". Anche secondo il WWF, infine, "se il legislatore nazionale ha colmato la distanza con l'Unione Europea rendendo norma il dettato delle Direttive europee, larga parte delle Regioni persevera diabolicamente nell'ignorare l'evidenza scientifica e gli obblighi di legge. Le Regioni continuano a chiamarsi fuori dalle regole per soddisfare le richieste dell'estremismo venatorio, foriero di posizioni anacronistiche ed irresponsabili che offendono i diritti dell'intera Comunità internazionale. L'Italia ha un patrimonio straordinario, ostaggio ancora oggi di una minoranza estremista: l'1% della popolazione italiana esercita l'attività venatoria, mentre la maggioranza della stessa della caccia farebbe anche a meno". Le associazioni ambientaliste hanno organizzato per oggi a Torino una manifestazione contro la caccia (alle 15.30 a Porta Susa), nella quale annunceranno che nella primavera del 2012 in Piemonte si terrà un referendum regionale sulla caccia. Altro appuntamento per la Marcia della Pace di Assisi del 25 settembre, dove animalisti e ambientalisti torneranno a dire "no alla violenza sugli animali e alle uccisioni per divertimento".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina