martedì 21 febbraio | 10:50
pubblicato il 19/set/2011 13:27

Bufera su NapoliServizi per stipendi d'oro, cda sarà azzerato

Dirigenti aumentarono paga in piena emergenza rifiuti

Bufera su NapoliServizi per stipendi d'oro, cda sarà azzerato

Si è abbattuto un polverone che potrebbe avere presto conseguenze drastiche sul cda di NapoliServizi. La giunta De Magistris ha fatto sapere che sarà azzerato il consiglio di amministrazione della società, controllata dal Comune di Napoli, che ha il compito di occuparsi del verde e del decoro urbano.A scatenare la bufera le rivelazioni di stampa sull'aumento indiscriminato degli stipendi: i dirigenti, nel pieno dell'emergenza rifiuti - parliamo del gennaio 2011 - incrementarono il loro superminimo di 1,7 milioni di euro in totale, quindi non in forma di gratifica una tantum, ma con un vero e proprio aumento dello stipendio base, pari a circa 5mila euro al mese in più a persona, per sempre. L'azienda ha ribattuto di non essersi mai occupata di emergenza rifiuti e che quindi è scorretto accostarla al problema della spazzatura a Napoli, ma non sono arrivate sostanziali smentite sulle cifre degli aumenti.

Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia