sabato 10 dicembre | 02:45
pubblicato il 21/gen/2014 13:08

Bufera nello Ior, nuovo arresto per mons. Scarano

Sequestrati milioni di euro, accusa di "finte donazioni"

Bufera nello Ior, nuovo arresto per mons. Scarano

Roma, (askanews) - Era stato arrestato a giugno con l'accusa di truffa, corruzione e calunnia nell'inchiesta sullo scandalo Ior, e poi messo ai domiciliari. Ora è arrivato un nuovo arresto per Monsignor Nunzio Scarano, ex responsabile dell'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica. Una nuova bufera investe così l'Istituto delle Opere religiose, la 'banca vaticana'.Insieme a monsignor Scarano è stato arrestato dalla Guardia di Finanza di Salerno un altro sacerdote. I due sarebbero responsabili di aver organizzato finte donazioni per milioni di euro provenienti da società off-shore e transitate su conti dello Ior nella disponibilità di Scarano. Le Fiamme Gialle hanno reso noto di aver provveduto al sequestro di beni immobili e disponibilità finanziarie per milioni di euro.Concorso in riciclaggio e falso in atto pubblico sono le ipotesi di reato contestate a monsignor Scarano e al sacerdote. Insieme a loro in manette anche un notaio.

Gli articoli più letti
Natale
Albero rosso e oro per il Natale alla Galleria Alberto Sordi
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Immigrati
Papa: nel presepe rivediamo dramma dei migranti sui barconi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina