domenica 19 febbraio | 16:09
pubblicato il 26/set/2013 18:41

Bruxelles: guru dell'informazione istituzionale a summit Blumm Accademy

(ASCA) - L'Aquila, 26 set - Come si puo' costruire un nuovo dialogo tra cittadini e istituzioni'? Come sta cambiando la figura del cittadino-consumatore all'interno della ''nuvola'' informativa che invade la quotidianita' di ognuno di noi'? Quali sono i comportamenti da assumere per ricostruire un rapporto di fiducia tra la politica e la gente'? L'International Communication Summit, nella sua prima edizione europea, che si e' tenuta nella citta' di Bruxelles, e' riuscito appieno nelle intenzioni di creare un dibattito su questi temi, cercando spunti di riflessione piu' che risposte definitive. L'ICS Pomilio Blumm Summit, nato dagli sforzi di Blumm Academy (parte della Agenzia di Comunicazione Pomilio Blumm), ha cosi' messo sul piatto idee nuove su concetti quali il ''cittadino consumatore'' e la ''trasparenza'', unica possibilita' di coinvolgere, nella comunicazione istituzionale, i cittadini europei, come ha evidenziato lo stesso Franco Pomilio, presidente di Pomilio Blumm e ICS chairman. ''Trasparenza e' dire la verita''': questo il messaggio semplice e forte della scrittrice best seller Jung Chang, che ha raccontato quanto ci sia di verita', di vita vissuta e sentita nei suoi libri, e ha spiegato perche' riesce a coinvolgere tante persone in tutto il Mondo (quindici milioni di copie per i suoi ultimi due libri), perche' ''la trasparenza e' al centro della mia scrittura, ne e' l'anima''. Harper Reed, stratega web della campagna di rielezione del presidente Barak Obama, ha raccontato di come sia stato proprio quest'ultimo a cercarlo ''perche' voleva qualcosa di diverso, e alla fine abbiamo vinto con il crowdsourcing, ovvero lasciando che fosse la gente, tramite i social network e la rete, a fare la parte piu' dura del lavoro; non lo abbiamo fatto noi, questo e' il bello del crowdsourcing''. Lo stratega delle comunicazioni, gia' consulente del governo inglese, Geoff Mulgan, ha spiegato che ''una delle sfide piu' grandi in Europa e' far capire al pubblico la priorita' di investimenti sul futuro, nella ricerca e sviluppo, nell'innovazione; altrove nel mondo questo impegno e' stato galvanizzato dalla paura, noi invece dobbiamo puntare sulla speranza e sul coinvolgimento diretto del pubblico''. Il guru della comunicazione pubblica Pierre Zemor ha ricordato come ''l'attuale comunicazione pubblica rischia di essere piu' esercizio di stile che non funziona davanti alla crisi, quindi dobbiamo cercare una vera comunicazione pubblica, il che significa coinvolgere le persone in maniera diretta, aiutando cosi' i policy-makers''. Stephen Clark, responsabile delle comunicazioni tra Parlamento Europeo e cittadini ha informato come la struttura di cui e' alla guida, cerchi di ''rendere comprensibile ai cittadini il Parlamento Europeo, e di avviare un rapporto, un dialogo, tra i cittadini e i propri rappresentanti politici; una volta che il dialogo e' iniziato lasciamo che non ci siano piu' filtri''. iso

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Raggi: vogliamo stadio della Roma ma nel rispetto della legge
Immigrati
Guardia costiera: oggi 358 migranti salvati nel Mediterrano
Cinema
Napoli ricorda Totò a 50 anni da morte con show e set ricreati
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia