giovedì 23 febbraio | 19:29
pubblicato il 07/giu/2012 16:38

Brindisi/ Padre Melissa: Chi l'ha uccisa non è un padre

"Ha spezzato la mia e la sua famiglia". Presente anche la madre

Brindisi/ Padre Melissa: Chi l'ha uccisa non è un padre

Mesagne (Brindisi), 7 giu. (askanews) - "Io non so proprio come chiamare quella persona, non c'è la parola giusta. Chi ha ucciso non è un padre: lui ha spezzato la mia famiglia e anche la sua". Lo ha detto Massimo Bassi, il padre di Melissa, la giovane uccisa nell'attentato di Brindisi alla scuola Morvillo Falcone, per il quale è stato fermato il 68enne Giovanni Vantaggiato. Alla conferenza stampa indetta a Mesagne, paese natale di Melissa, è presente anche la madre della ragazza, Rita, che non si è mai fatta vedere in pubblico. La donna, ha spiegato il legale della famiglia, è uscita pochi giorni fa dall'ospedale dove è stata ricoverata dopo la morte della figlia ed è presente "solo per accompagnare il marito". Alla domanda se sarebbe disposto a perdonare Vantaggiato, Massimo Bassi ha risposto: "Per me quella persona non esiste".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech