lunedì 27 febbraio | 04:10
pubblicato il 19/set/2013 15:04

Brindisi, 12 arresti per una truffa con i parchi fotovoltaici

Nel mirino Gdf l'uso di fondi pubblici per costruire gli impianti

Brindisi, 12 arresti per una truffa con i parchi fotovoltaici

Brindisi, (askanews) - Una distesa enorme di impianti fotovoltaici su 120 ettari di terreni in provincia di Brindisi. Ma i siti per produrre energia a basso impatto ambientale erano stati realizzati con la frode, per intascare milioni di euro di finanziamenti pubblici. Per questo dodici persone sono state arrestate in Puglia e 27 parchi fotovoltaici sono stati sequestrati: è il bilancio dell'operazione dei finanzieri, in collaborazione con i carabinieri e il Corpo Forestale.Secondo le indagini che hanno portato all'operazione "Black out" la proprietà dei parchi veniva frazionata e attribuita a società di comodo. Questo per eludere la normativa che sottoponeva ad autorizzazione regionale la realizzazione di impianti di potenza superiore ad 1 Mw, e fruire così indebitamente degli incentivi economici previsti dalla legge. Dopo l'operazione è stato sospesa l'erogazione dei contributi, per un importo pari a 303 milioni di euro.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech