mercoledì 22 febbraio | 20:41
pubblicato il 08/mar/2012 10:11

"Borsellino eliminato perchè impediva la trattativa Stato-Mafia"

Svolta nelle indagini su strage di via D'Amelio: quattro arresti

"Borsellino eliminato perchè impediva la trattativa Stato-Mafia"

Palermo (askanews) - C'è una nuova verità sulla strage di via D'Amelio nella quale, il 19 luglio 1992, furono uccisi il giudice Paolo Borsellino e i cinque uomini della sua scorta. Secondo il gip di Caltanissetta Alessandra Bonaventura, che oggi ha disposto quattro nuove misure cautelari, il magistrato fu ucciso perché Totò Riina lo riteneva un "ostacolo" alla trattativa con esponenti delle istituzioni arenatasi "su un binario morto" e che quindi andava "rivitalizzata" con il gesto eclatante della strage. Borsellino, secondo i magistrati, sarebbe stato informato della trattativa tra Stato e mafia a fine giugno e ad avvalorare questa tesi ci sarebbero anche le dichiarazioni di Giovanni Brusca, che in quel mese del 1992 ricevette da Riina l'ordine di sospendere un attentato a Calogero Mannino "perché c'era una vicenda più urgente da risolvere".

Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech