lunedì 05 dicembre | 03:55
pubblicato il 04/ago/2014 12:00

Bomba d'acqua trevigiano: procura indaga, pompieri dragano Lierza

Sabato l'esondazione che ha provocato 4 morti e 8 feriti

Bomba d'acqua trevigiano: procura indaga, pompieri dragano Lierza

Refrontolo (TV), 4 ago. (askanews) - Di nuovo al lavoro, questa mattina, i vigili del fuoco e la protezione civile per mettere in sicurezza il torrente Lierza ed il suo bacino, nei Comuni di Refrontolo e Cison di Valmarino, in provincia di Treviso, dove sabato sera e' avvenuta la tragedia con l'esondazione del corso d'acqua, e un bilancio di 4 morti ed 8 feriti. Le vittime sono Maurizio Lot, 52 anni, di Farra di Soligo, Fabrizio Bortolini, 48 anni, di Santa Lucia di Piave, Giannino Breda, 67 anni, di Falze' di Piave e Luciano Stella, 50 anni, di Pieve di Soligo, e per i loro funerali si attende l'autorizzazione dei magistrati della procura della repubblica di Treviso che hanno aperto un fascicolo d'indagine, per il momento senza indagati e nemmeno ipotesi di reato. Due i feriti in prognosi riservata. Il dragaggio del torrente, di solito limitato a pochi centimetri d'acqua, mentre nelle precedenti alluvioni il volume si alzava di 10, al massimo 20 centimetri, contro il metro e 40 di sabato, e' reso necessario ed urgente perche' le ricognizioni in elicottero del Corpo forestale dello Stato hanno riscontrato numerosi smottamenti e frane a monte del Molinetto della Croda, l'amena localita' in cui e' avvenuto il disastro e dove nel tendone della Pro Loco era in corso la tradizionale "Festa dei omeni", con circa 100 partecipanti. Sulle cause di quanto avvenuto sta indagando la Procura. Diverse le ipotesi: l'eccezionale pioggia caduta verso le 20 di sabato tra le colline del prosecco, in un territorio circoscritto ma disseminato di piccole frane, il cui scivolamento potrebbe aver appesantito di fango il deflusso del Lierza, e l'ostruzione provocata da alcune balle di fieno, avvolte nel pvc, oltre che dai detriti, materiali che avrebbero fatto da tappo presso una passerella a monte della cascata, nonche' la scarsa manutenzione del torrente. Sia il governatore regionale Luca Zaia, che la protezione civile e i sindaci, a partire da Loredana Collodel di Refrontolo, hanno tutti respinto le accuse di incuria, sottolineando piuttosto la quantita' eccezionale d'acqua precipitata in un ambiente ristretto e fragile. Zaia, che parla di una dinamica da "piccolo Vajont", per altro tenendosi lontano da qualsiasi paragone con l'immane tragedia che nel 1963 ha colpito Longarone e con le responsabilita' accertate per quel disastro, ha infatti chiesto il riconoscimento della calamita' naturale. E per quanto riguarda l'iniziativa della Procura, il presidente afferma che "e' un atto dovuto", tanto piu' che "e' necessaria la massima trasparenza". Il Governo ha rassicurato con l'annuncio di 570 cantieri anti-dissesto per la sicurezza del territorio ed il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha manifestato la sua vicinanza alle famiglie delle vittime e alla comunita' locale. I primi cantieri dell'emergenza, a Refrontolo, si concluderanno tra questa sera e domani mattina, come assicurano i vigili del fuoco che nella giornata di domenica hanno asportato le auto travolte dall'acqua, gli alberi e una quantita' enorme di detriti. Subito dopo sara' urgente avviare la ricostruzione. "C'e' bisogno di un piano Marshall nazionale contro il dissesto del territorio. Piano - protesta Zaia - che oggi non c'e'. Solo il Veneto avrebbe urgenza di un miliardo e 700 milioni di euro per finanziare il programma di lavori gia' predisposto". Lavori che secondo il governatore andrebbero svincolati dal patto di stabilita'.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari