giovedì 23 febbraio | 22:35
pubblicato il 06/ott/2011 17:37

Bologna/ Polizia fa benzina col contagocce, ascensori bloccati

Filippini (Silp Cgil): 113 servizio garantito, non per ordinario

Bologna/ Polizia fa benzina col contagocce, ascensori bloccati

Bologna, 6 ott. (askanews) - Il carburante erogato col contagocce per le auto del 113 è soltanto la punta dell'iceberg. La crisi in polizia, a Bologna come in altre città italiane, è sinonimo di contratti di manutenzione degli ascensori in scadenza, impianti dell'aria condizionata o di riscaldamento fermi perché non collaudati, convenzioni con le imprese di pulizia scaduti, doppi turni per agenti che di giorno sono impegnati in servizi di controllo del territorio e di sera o nel fine settimana in ufficio per l'attività ordinaria. A denunciarlo a TMNews è Pietro Filippini, segretario provinciale di Silp Cgil Bologna. "Da diversi anni viviamo in emergenza - spiega Filippini - e in particolare negli ultimi anni i tagli a livello centrale sono stati consistenti. Anche negli ultimi tre mesi del 2010 abbiamo usato i 'buoni carburante' per rifornire le auto e quest'anno la situazione si sta ripetendo". Quei ticket che dovrebbero essere utilizzati soltanto per "servizi riservati" o per le trasferte, ora vengono impiegati anche per la normale attività delle pattuglie. "Una circolare di questi giorni - continua - dà la priorità alle auto del 113 e spiega chiaramente che vetture di altre province di passaggio non possono rifornirsi presso nostre caserme. Non si può fermare il servizio da un giorno all'altro e il questore ci ha assicurato che per le emergenze le risorse verranno impiegate", ma per l'attività ordinaria lo "stop" può essere imminente. E i problemi non sono solo legati al rifornimento delle auto. "Il contratto per la manutenzione degli ascensori - ricorda il sindacalista - scade fra qualche settimana e nessuno si prenderà la responsabilità di farle andare lo stesso. Le imprese di pulizia sono ridottissime, tra un po' riusciranno soltanto a svuotare i cestini". "Negli ultimi 15 anni - aggiunge il referente del Silp - soltanto per il pronto intervento c'è stata una riduzione del 15% degli organici. Questo a fronte di una campagna elettorale, da parte della politica, improntata sulla sicurezza e sul controllo del territorio. Proprio in questi giorni si parla di intercettazioni, ma come si pensa di effettuare questi servizi se manca il personale e se non ci sono risorse per le apparecchiature? Da anni non ci sono nuovi arruolamenti e a Bologna l'età media è di 40 anni". E il lavoro è tutt'altro che diminuito. "Il nostro personale - ricorda Filippini - è sempre più impegnato nella gestione dell'ordine pubblico, negli accompagnamenti per i continui rimpatri e per le operazioni 'in piazza'... Il poliziotto di quartiere? In questa situazione è solo un miraggio".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech