sabato 25 febbraio | 15:32
pubblicato il 23/nov/2011 12:58

Bologna, gravidanze finte per non lavorare: arrestata dipendente

Assenteismo record all'Aou: in 9 anni solo 6 giorni di lavoro

Bologna, gravidanze finte per non lavorare: arrestata dipendente

Roma, 23 nov. (askanews) - Scoperta, e arrestata, a Bologna un'assenteista 'record', dipendente dell'Azienda ospedaliero-Universitaria, che per non andare a lavoro fingeva gravidanze in serie: in 9 anni solo sei giorni di servizio. Non paga,la signora con falsi certificati di nascita di figli inesistenti è anche riuscita a beneficiare delle relative detrazioni d'imposta. L'indagine, battezzata eloquentemente "figli mai nati", è stata condotta dai carabinieri del Nas di Bologna, che hanno posto agli arresti domiciliari una dipendente dell'Azienda ospedaliero-universitaria Sant'Orsola Malpighi di Bologna, indagata per truffa aggravata ai danni di enti pubblici e falso ideologico in documentazione pubblica. La misura, emessa dal gip di Bologna, Alberto Gamberini, su richiesta del pm Claudio Santangelo, arriva al termine delle indagini del Nas di Bologna a carico di un'operatrice tecnica (con funzione di supporto assistenziale dell'ospedale) che negli ultimi 9 anni aveva prestato servizio solamente per 6 giorni, con lunghi periodi di malattie ed assenze per maternità. L'operatrice sanitaria, infatti, oltre ad essere risultata assente per continuati e prolungati periodi di malattia, sui quali sono in corso ulteriori indagini al fine di accertarne la veridicità delle condizioni, si era assentata per due presunte gravidanze, dapprima per complicanze della gestazione e poi per maternità obbligatoria, di fatto non vere o comunque non portate a termine. Infatti, la signora, con artifizi e raggiri, riusciva prima a ottenere da medici del consultorio familiare e dell'Ospedale Maggiore di Bologna i certificati di maternità a rischio, omettendo poi di sottoporsi a specifici esami diagnostici per l'accertamento dell'effettivo stato di gravidanza. Successivamente induceva in errore anche la direzione del Policlinico ospedaliero e la Direzione Provinciale del Lavoro usufruendo indebitamente dei periodi di assenza. Inoltre, producendo false certificazioni comprovanti la nascita dei due figli nel febbraio 2004 e nell'ottobre 2009, la signor ha anche usufruito indebitamente dei benefici di detrazione d'imposta per figli a carico. Il danno erariale, al momento, è stato quantificato in circa 33.117 euro. Inestimabile la beffa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech