mercoledì 18 gennaio | 15:07
pubblicato il 23/nov/2011 12:58

Bologna, gravidanze finte per non lavorare: arrestata dipendente

Assenteismo record all'Aou: in 9 anni solo 6 giorni di lavoro

Bologna, gravidanze finte per non lavorare: arrestata dipendente

Roma, 23 nov. (askanews) - Scoperta, e arrestata, a Bologna un'assenteista 'record', dipendente dell'Azienda ospedaliero-Universitaria, che per non andare a lavoro fingeva gravidanze in serie: in 9 anni solo sei giorni di servizio. Non paga,la signora con falsi certificati di nascita di figli inesistenti è anche riuscita a beneficiare delle relative detrazioni d'imposta. L'indagine, battezzata eloquentemente "figli mai nati", è stata condotta dai carabinieri del Nas di Bologna, che hanno posto agli arresti domiciliari una dipendente dell'Azienda ospedaliero-universitaria Sant'Orsola Malpighi di Bologna, indagata per truffa aggravata ai danni di enti pubblici e falso ideologico in documentazione pubblica. La misura, emessa dal gip di Bologna, Alberto Gamberini, su richiesta del pm Claudio Santangelo, arriva al termine delle indagini del Nas di Bologna a carico di un'operatrice tecnica (con funzione di supporto assistenziale dell'ospedale) che negli ultimi 9 anni aveva prestato servizio solamente per 6 giorni, con lunghi periodi di malattie ed assenze per maternità. L'operatrice sanitaria, infatti, oltre ad essere risultata assente per continuati e prolungati periodi di malattia, sui quali sono in corso ulteriori indagini al fine di accertarne la veridicità delle condizioni, si era assentata per due presunte gravidanze, dapprima per complicanze della gestazione e poi per maternità obbligatoria, di fatto non vere o comunque non portate a termine. Infatti, la signora, con artifizi e raggiri, riusciva prima a ottenere da medici del consultorio familiare e dell'Ospedale Maggiore di Bologna i certificati di maternità a rischio, omettendo poi di sottoporsi a specifici esami diagnostici per l'accertamento dell'effettivo stato di gravidanza. Successivamente induceva in errore anche la direzione del Policlinico ospedaliero e la Direzione Provinciale del Lavoro usufruendo indebitamente dei periodi di assenza. Inoltre, producendo false certificazioni comprovanti la nascita dei due figli nel febbraio 2004 e nell'ottobre 2009, la signor ha anche usufruito indebitamente dei benefici di detrazione d'imposta per figli a carico. Il danno erariale, al momento, è stato quantificato in circa 33.117 euro. Inestimabile la beffa.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa