domenica 04 dicembre | 19:27
pubblicato il 01/ott/2012 15:20

Bologna/ Apre 'Senza nome', il primo bar gestito da sordi

Sconti per chi utilizza il linguaggio dei segni per ordinare

Bologna/ Apre 'Senza nome', il primo bar gestito da sordi

Bologna, 1 ott. (askanews) - Per avere un caffè, un'insalata o uno spritz si può scrivere la propria ordinazione su un biglietto. Ma se ci sforza a usare il Lis, la lingua dei segni italiana, si può ottenere anche uno sconto al bancone. E' possibile al 'Senza nome' di Bologna, il primo locale gestito da sordi. Più che un bar, è un luogo in cui mangiare, ascoltare musica, fare arte e abbattere il muro che spesso divide chi parla e sente regolarmente e chi non può farlo. Il bar gestito dai due soci Alfonso Marrazzo e Sara Longhi, è in pieno centro storico, alle spalle del mercato delle Erbe in via Belvedere. Martedì sera darà il via al programma "Inudibile - Rassegna di eventi diversamente percettibili" organizzato dall'associazione culturale "Farm" in collaborazione con il "Gruppo Camaleonte" che promuove l'attività di artisti sordi. "'Senza nome' - spiegano Marrazzo e Longhi - nasce dall'esigenza di avere uno spazio dove far confluire le idee e i concetti di un mondo visivo attraverso la sperimentazione artistica, la ricerca e il confronto àdi linguaggi differenti". L'obiettivo è far coesistere il linguaggio visivo e quello sonoro in un ambiente suggestivo e vivace in cui la comunicazione diventa una sfida sorprendente, una continua scoperta, una forma d'arte, un gioco.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari