martedì 24 gennaio | 10:47
pubblicato il 04/dic/2011 11:00

Bnl-Unipol/ Domani Berlusconi rischia nuovo rinvio a giudizio

Rivelazione di segreto per pubblicazione telefonata Fassino

Bnl-Unipol/ Domani Berlusconi rischia nuovo rinvio a giudizio

Milano, 4 dic. (askanews) - Silvio Berlusconi rischia domani un nuovo rinvio a giudizio nell'ambito della vicenda Bnl-Unipol. La procura di Milano infatti ha cambiato linea decidendo di chiedere processo per l'ex premier aderendo così alla prospettiva indicata dal gip Stefania Donadeo che aveva imposto l'imputazione coatta per rivelazione di segreto d'ufficio in relazione alla pubblicazione su Il Giornale della telefonata tra Piero Fassino e Giovanni Consorte in cui l'allora segretario dei Ds diceva al numero uno di Unipol: "Abbiamo una banca?". Fin qui la procura aveva sempre sostenuto l'archiviazione per l'impossibilità di avere elementi sufficienti a sostenere l'accusa in tribunale. Adesso in invece davanti all'iniziativa del gip alla quale è seguita la fissazione per domani mattina dell'udienza preliminare da parte del gup Maria Grazia Domanico, il capo della procura Edmondo Bruti Liberati e il pm Maurizio Romanelli hanno deciso di adeguarsi. Domani in udienza Romanelli chiederà al gup di rinviare a giudizio l'ex premier che il 24 dicembre del 2005 ricevette nella residenza di Arcore il file con la conversazione intercettata che non era stata ancora trascritta e messa a disposizione delle parti. I difensori di Berlusconi lunedì riproporranno l'eccezione di competenza territoriale già proposta e bocciata dal gip. Niccolò Ghedini e Piero Longo sosterranno che il fascicolo va trasmesso all'autorità giudiziaria di Monza nel cui distretto rientra Arcore. Secondo i legali infatti l'episodio al centro della causa è rimasto da solo e non vi sarebbe più alcuna connessione con le responsabilità degli altri 3 imputati sui quali aveva deciso il gip con un processo con il rito abbreviato e due patteggiamenti. Paolo Berlusconi editore de Il Giornale sarà invece processato a gennaio per concorso in rivelazione di segreto d'ufficio, ricettazione e millantato credito. Nelle stessa vicenda è indagato Maurizio Belpietro direttore del quotidiano di via Negri all'epoca dei fatti ma sui fatti a lui contestati sta per scattare la prescrizione.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4