domenica 26 febbraio | 20:40
pubblicato il 28/feb/2014 15:18

Blitz tra Italia e Spagna, sequestrati 1.100 chili di hashish

Gdf e carabinieri fermano a Roma i 6 narcotrafficanti

Blitz tra Italia e Spagna, sequestrati 1.100 chili di hashish

Roma, (askanews) - 1.100 chili di hashish destinati ad alimentare il mercato della droga a Roma: è l'oggetto del sequestro effettuato dalla Guardia Civil spagnola che, su indicazione di Guardia di finanza e carabinieri, ha bloccato un carico nascosto in un gommone battente bandiera olandese.Allo stesso tempo i finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Roma, assieme al Reparto operativo aeronavale e ai carabinieri di Civitavecchia, hanno eseguito il fermo dei sei narcotrafficanti legati all'operazione.Il sequestro è il risultato di due operazioni dirette dalla Dda della Procura di Roma, partite con il monitoraggio di un gommone trovato in un cantiere navale di Civitavecchia. Installando un Gps a bordo, gli inquirenti hanno seguito il viaggio fino alle coste marocchine: dopo un inseguimento, il gommone è stato condotto nel porto di Ceuta, in Spagna, dove è stato scoperto e sequestrato il carico di hashish nascosto all'interno.

Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech