domenica 11 dicembre | 11:12
pubblicato il 30/dic/2011 16:58

Birmania, Aung San Suu Kyi visita i supersititi dell'esplosione

Elezioni di medio termine nel Paese il primo aprile 2012

Birmania, Aung San Suu Kyi visita i supersititi dell'esplosione

Rangoon (askanews) - Aung san Suu Kyi, leader del partito d'opposizione birmano, si è recata in visita alle oltre mille persone rimaste senza casa in seguito alla violenta esplosione, di cui ancora s'ignorano le cause, che giovedì 29 dicembre ha colpito un magazzino in un quartiere residenziale di Rangoon, causando una ventina di morti e un centinaio di feriti. I sopravvissuti sono ora ospitati in un monastero, a loro Suu Kyi - come molti altri privati cittadini di Rangoon - oltre a portare la propria solidarietà ha materialmente offerto cibo e denaro. Le elezioni di medio termine birmane per assegnare 48 seggi vacanti nelle 2 assemblee nazionali, alle quali Aung San Suu Kyi per la prima volta nella sua carriera ha annunciato di volersi presentare, si terranno il primo aprile 2012. Dal 13 novembre 2010 il premio Nobel per la Pace è tornata a essere libera dopo aver passato gran parte degli ultimi 20 anni agli arresti o in semilibertà, per volere del regime militare al potere nel Paese.

Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina