domenica 19 febbraio | 22:56
pubblicato il 27/giu/2012 15:04

Bimbo di 3 mesi trovato morto in casa a La Spezia: è giallo

Sul corpo non sono stati riscontrati segni di violenza

Bimbo di 3 mesi trovato morto in casa a La Spezia: è giallo

Genova, 27 giu. (askanews) - E' giallo sulla morte di un bimbo di 3 mesi, trovato senza vita ieri sera in un appartamento del quartiere Migliarina di La Spezia. Ad allertare i soccorritori, che hanno provato inutilmente a rianimarlo, è stato il padre, che si era assentato da casa per un paio d'ore e al ritorno ha trovato il piccolo avvolto in un lenzuolo, esanime, nel lettino della sua camera da letto. Al momento della tragedia, secondo quanto riferito a TMNews dalla Squadra Mobile della locale questura, che sta tentando di ricostruire l'accaduto, in casa erano presenti la madre e la sorellina di 2 anni. La donna, che si trovava in cucina, non si sarebbe però accorta di nulla. Sul posto è intervenuto il medico legale che non ha riscontrato sul corpo del neonato segni di violenza. Secondo gli inquirenti, che hanno ascoltato per tutta la notte i genitori, potrebbe trattarsi di un classico caso di "morte in culla", anche se non si possono ancora escludere altre ipotesi. A chiarire le cause del decesso potrebbe essere l'autopsia a cui il piccolo sarà sottoposto nei prossimi giorni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia