lunedì 20 febbraio | 18:43
pubblicato il 12/set/2011 08:30

Berlusconi/ Procuratore Lepore: parte lesa,troveremo altra data

Capo procura di Napoli al Corsera: memoriale non basta

Berlusconi/ Procuratore Lepore:   parte lesa,troveremo altra data

Roma, 12 set. (askanews) - Per sentire Silvio Berlusconi, parte lesa nell'ambito dell'inchiesta che vede, a vario titolo, accusati Gianpaolo Tarantini, la moglie e l'editore Valter Lavitola, sarà trovata un'altra data. quanto ribadisce il procuratore capo di Napoli Giovandomenico Lepore che, in una intervista al Corriere della Sera, sottolinea: Berlusconi "nel nostro processo è parte lesa, io penso sia un suo interesse fornirci la propria versione dei fatti. Finora non mi è mai capitato che una parte lesa si sottraesse alle domande dei magistrati. Del resto era stato lui a indicarci la data di martedì 13 settembre". Il premier avrebbe dovuto essere sentito domani, ma l'appuntamento è stato rinviato per impegni internazionali del presidente del Consiglio. "Ho chiesto all'avvocato di mandare la rinuncia scritta e di indicarci contestualmente una nuova data. Se questo non accadrà stileremo noi una 'rosa' di giorni e su quelli bisognerà prendere una decisione. I tempi sono molto stretti", spiega Lepore, che è in stretto contatto con uno dei legali del premier, Niccolò Ghedini. Dalla deposizione di Berlusconi dipendono infatti "molte circostanze legate all'inchiesta. La più importante riguarda il destino di due persone che sono attualmente detenute per estorsione. Per questo è necessario chiarire le modalità dei fatti, soprattutto per quanto riguarda la consegna dei soldi". C'è poi il problema di competenza, posto dai difensori degli indagati. Lepore è convinto che la competenza sia dei magistrati di Napoli. "Abbiamo agito seguendo le regole, come sempre facciamo. Se però ci sarà una diversa valutazione della Procura generale o di altri giudici siamo pronti a trasmettere le carte ai colleghi che ci indicheranno. Non siamo attaccati alle indagini, ci muoviamo perché è nostro dovere farlo". Quanto al memoriale che Berlusconi avrebbe manifestato l'intenzione di mandare "se arriverà lo leggeremo, ma certamente non potrà essere sufficiente perché ci sono delle domande che dobbiamo porre, trattandosi di un testimone e non di un indagato. Quella potrebbe essere una base di partenza, ma è necessario avere un confronto", conclude Lepore.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia