venerdì 24 febbraio | 13:57
pubblicato il 23/mag/2012 10:35

Benvenuti al Parco dello Sport, opera incompiuta a Bagnoli

Una struttura ambiziosa diventata sinonimo di sprechi

Benvenuti al Parco dello Sport, opera incompiuta a Bagnoli

Napoli (askanews) - "Vergogna", dicono a Bagnoli nel Napoletano dove un progetto ambizioso è diventato sinonimo di sprechi e degrado. Si tratta del Parco dello Sport: una megastruttura con campi per tutti gli sport su 24 ettari di terreno ora mezza sepolta dalle erbacce e dai calcinacci. Francesco Emilio Borrelli dei Verdi: "La storia del parco è paradassole e vergognosa al tempo stesso. Un parco costato 35 milioni di euro di rinvio e rinvio non è mai stato aperto e ora sta deperendo". Un progetto praticamente quasi ultimato ma che si è arenato inspiegabilmente. "Al parco mancano i collaudi e la rifinitura ma è finito". Ultimo dettaglio non da poco: a bloccare l'apertura del parco è anche la mancanza delle infrastrutture: anche gli impianti sportivi che già ci sono non hanno strade per essere raggiunte.

Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: in arrivo venti forti al Centro-Nord
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Berlusconi
Berlusconi a pm: minacce da olgettina, voleva 1 mln per tacere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Astrofisica, indizi di materia oscura nel cuore di Andromeda?
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech