giovedì 19 gennaio | 16:30
pubblicato il 04/mar/2011 17:34

Beni culturali/ Giro: Domus Aurea è un monumento molto fragile

Da monitoraggio emerse varie criticità dovute a movimenti terreno

Beni culturali/ Giro: Domus Aurea è un monumento molto fragile

Roma, 4 mar. (askanews) - La Domus Aurea di Roma è un monumento fragile, con diverse importanti criticità sia nella struttura esterna sia in quella ipogea, anche perchè la stessa ossatura originaria della Domus era costituita da un nucleo di pozzolana e calce e la conformazione geologica del terreno, per l'estrema vicinanza con il fiume Tevere, presenta una stratificazione di sabbia e ghiaia lacustre con minerali vulcanici di origine sabatina e albana che rendono il tutto più soggetto a 'movimenti' del terreno di vario genere. E' quanto emerge, riferisce il sottosegretario ai Beni e alle Attività Culturali Francesco Giro, dai dati del resoconto condotto dal segretario generale del ministero Roberto Cecchi, in collaborazione con il dipartimento di scienze della terra dell'università di Firenze e con il centro di competenza del dipartimento della protezione civile, relativi al monitoraggio radar satellitare dell'area archeologica del Colle Oppio. Dal'analisi e dall'interpretazione dei dati di monitoraggio, compresi tra marzo del 2003 e giugno del 2010, su tutta l'estensione del parco, non solo sulle strutture affioranti ed emergenti ma anche su quelle ipogee, "è stato possibile mettere in evidenza - spiega Giro - alcune situazioni di criticità" e grazie alla sovrapposizione delle ortofoto di riferimento con le planimetrie, i risultati ottenuti "hanno sottolineato la presenza di movimenti localizzati e circoscritti, riferibili a porzioni dei monumenti stessi". In particolare, sono emerse delle deformazioni sull'area della parete absidata di uno degli ambienti riscaldati del percorso termale e sulla Cisterna detta 'delle Sette Sale'. Le spie posizionate sulla parete absidata hanno registrato fessurazioni e di lesioni della tessitura muraria mentre la distribuzione dei bersagli radar ha rilevato una deformazione nel tempo considerevole del terrapieno esterno della Cisterna, fra Via delle Terme di Traiano e Via Mecenate.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Campidoglio
Raggi: la Giunta capitolina approva emendamento a Bilancio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Immunoterapia, un libro sulla quarta arma contro il cancro
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale