martedì 28 febbraio | 14:06
pubblicato il 19/ott/2013 11:21

Benedetto XVI: Xuereb, rapporto specialissimo con i collaboratori

(ASCA) - Pordenone, 19 ott - Il ''valore primaziale della persona'' papa Benedetto XVI lo dimostrava fin nel rapporto ''specialissimo'' con i collaboratori ed i dipendenti del Vaticano. Lo ha spiegato mons. Alfred Xuereb, gia' officiale della segreteria particolare di papa Benedetto XVI, in un convegno a Pordenone, nell'ambito della settimana d'iniziative della ''Libreria Editrice Vaticana''. ''Uno degli appuntamenti fissi era la recita del rosario, davanti alla grotta di Lourdes nei giardini vaticani. Ricordo un giorno d'inverno in cui si rivolse al gendarme chiedendogli: lei e' vestito abbastanza contro questo freddo'? E una volta saputo che si chiamava Giuseppe, commento' con lui: bello, si chiama come me, siamo colleghi''. Altro aneddoto. Salta l'appuntamento col Rosario nei giardini di Castel Gandolfo. Il segretario Xuereb lo attendeva.

''Se fossi in convento, dovrei fare penitenza'' si scuso' il papa, che il giorno successivo chiese scusa anche all'autista per averlo aspettato inutilmente. ''I gesti di raffinata sensibilita' erano all'ordine del giorno'' ha raccontato Xuereb.

Aveva ''compassione'', ad esempio, per i fotografi che dovevano correre, nei viaggi pontifici, per riprenderlo.

Negli incontri con il clero romano, gli venivano poste, a volte, domande improprie, che magari facevano rumoreggiare anche i presenti, ma ''papa Benedetto non rimaneva perturbato e con grande maestria riusciva a raccogliere un concetto per tirar fuori il meglio da chi aveva parlato''. ''Specialissimo'' anche il rapporto con il fratello Georg.

''I momenti di condivisione con il fratello sono commoventi e non possono non accrescere i sentimenti di grande apprezzamento'' ha rilevato Xuereb, ricordando fra l'altro quanto Benedetto ebbe a dire del fratello a Castelgandolfo, il 21 agosto 2008: ''E' sempre stato per me una guida sicura, l'ho sempre cercato per i suoi saggi consigli e sempre ammirato per i suoi buoni esempi''. Nel palazzo apostolico papa Benedetto ''ci teneva tanto a creare un clima di famiglia'', tanto - ha detto Xuereb - che ''mi faceva spesso delle domande personali: il lunedi' mattina mi chiedeva notizie della mia squadra del cuore, quando andavo a trovare la famiglia mi invitava a portare i saluti alla mamma. ''Dopo un intervento chirurgico, nel 2010, mi aiuto' ad alzarmi dalla sedia perche' mi vedeva in difficolta', una volta mi aiuto' lui stesso a sistemarmi il cappotto''.

fdm/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Droga
Maxi operazione antidroga allo Zen di Palermo: 24 arresti
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Firenze
Spari a auto dell'imprenditore amico di Renzi, 2 arresti a Firenze
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, nanocubi per la diagnosi precoce di Alzheimer e Parkinson
Motori
La Turbo S E-Hybrid diventa modello più potente Porsche Panamera
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Favara: apre l'Alba Palace: quattro stelle di cultura e tradizione
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
SpaceX invierà due turisti spaziali attorno alla Luna a fine 2018
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech