giovedì 23 febbraio | 15:36
pubblicato il 24/apr/2013 20:22

Benedetto XVI: mons. Pompili, nuovo clima grazie a suo gesto dirompente

Benedetto XVI: mons. Pompili, nuovo clima grazie a suo gesto dirompente

(ASCA) - Citta' del Vaticano, 24 apr - Il nuovo clima che si respira nella Chiesa con il pontificato di papa Francesco trae le sue radici dal ''gesto non rivoluzionario ma certamente dirompente compiuto da Benedetto XVI'' e culminato con la sua rinuncia al pontificato. E' quanto ha affermato mons. Domenico Pompili, direttore dell'ufficio nazionale per la comunicazione della Cei, intervenuto questa sera a Roma, presso la libreria Centro Russia Ecomenica, nel corso della presentazione del libro: ''Ratzinger. Dalla paura al tempo dell'amore'' del vicedirettore dell'Osservatore Romano Carlo Di Cicco.

Un volume, edito dall'editrice 'Memori', che ripercorre le tappe salienti del pontificato di papa Ratzinger fino al suo clamoroso gesto.

''In tutti i modi Benedetto XVI - afferma nel libro Di Cicco - ha cercato di disincagliare la barca di Pietro e rimetterla in piena navigazione. In parte e' stato compreso, ma la sua predicazione dell'amore e' rimasta per buona parte epidermica e servira', forse, nel prossimo futuro''.

A ricordare come quella di papa Ratzinger sia stata una ''spinta irrisolta sulla via della riforma della Chiesa'', e' stato invece mons. Pompili che, comunque, ha aggiunto che papa Benedetto ''ha avuto il merito di aver scacciato la paura nella Chiesa'' e che la sua rinuncia ''ha mostrato al mondo che un passaggio cosi' doloroso e' equivalso anche a quella creativita' che ha portato al cambiamento di clima attuale cosi' ben interpretato da papa Francesco''.

A prendere la parola anche il segretario generale della Fnsi, Franco Siddi che ha, invece, ricordato quella che ha definito ''una diffidenza della stampa'' verso il pontificato di Ratzinger descritto troppo spesso come ''distante dalla gente''. Valutazione, ha fatto notare Siddi, poi smentita dagli ultimi atti del pontificato e ''dall'estrema umanita''' dimostrata da Benedetto XVI negli atti finali della sua missione.

Secondo il direttore dell'Asca, Gianfranco Astori, infine, la figura di papa Ratzinger va inquadrata nella ''fine del vecchio e nell'inizio del nuovo'', per la Chiesa cattolica e che le dimissioni di Ratzinger vanno inserite nell'alveo di un ''papa innovatore che ha chiuso definitivamente con la Chiesa del 'Sillabo' aprendo alla Chiesa della speranza''. gc/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Papa
Papa: scandaloso dire "sono cattolico" e riciclare denaro
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Sagrantino Montefalco, festeggia 25 anni dalla DOGC
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech