lunedì 16 gennaio | 19:05
pubblicato il 11/feb/2014 10:10

Benedetto XVI: mons. Ganswein, sue dimissioni uno choc

Benedetto XVI: mons. Ganswein, sue dimissioni uno choc

(ASCA) - Roma, 11 feb 2014 - ''Si e' vero, e' stato uno choc.

Ho visto davanti a me i cardinali, alcuni increduli, altri non avevano capito bene. Una sorpresa, con tutte le conseguenze di una sorpresa''. Cosi', ai microfoni di 'Prima di tutto', su Radio Uno, mons. Georg Ganswein, prefetto della Casa pontificia, collaboratore strettissimo di papa Ratzinger, ha ricordato la decisione di Benedetto XVI di porre la parola fine al suo pontificato, esattamente un anno fa, durante il Concistoro per la canonizzazione di 813 martiri.

Riferendosi al papa emerito, padre Ganswein ha proseguito: ''Lui mi comunico' non soltanto un'idea, una riflessione ma una decisione e io ho capito subito - anche se istintivamente ho detto: 'Padre Santo, non e' possibile!' - che era una decisione maturata dopo tanta riflessione, con preghiera al Signore. Non c'era piu' niente da fare. Ma voglio dire - ha precisato padre Georg - che questo atto coraggioso non era una fuga, ma una decisone presa con grande responsabilita'''.

Sulla possibilita' che la scelta di papa Benedetto possa rappresentare un precedente nel diritto canonico, padre Georg ha osservato che: ''Papa Ratzinger non ha voluto in alcun modo condizionare e non condizionera' alcuno dei suoi successori.

Certamente, con questo atto di rinuncia, ha determinato un fatto nuovo che deve essere rispettato''.

Dodici mesi dopo le sue dimissioni, Ratzinger, ''prega, studia, riceve persone, si occupa di un'ampia corrispondenza, sente musica, passeggia. La sua mattina inizia sempre con la Santa messa e con il Breviario; ogni tanto la sera suona anche il pianoforte'', ha riferito il prefetto della Casa pontificia. Il quale, in conclusione, si e' espresso anche sul recente monito dell'Onu alla Chiesa in tema di preti pedofili. ''All'inizio - ha detto padre Georg - queste parole mi hanno stupito fortemente. Ma nel frattempo, sia Padre Lombardi, sia il segretario di Stato Vaticano, Parolin, hanno detto quello che andava detto. E io non voglio aggiungere nulla'', ha chiosato.

com-stt/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Comuni
Consenso dei sindaci: vince Appendino, Raggi precipita penultima
Corruzione
Latina, appalti truccati: 10 arresti tra cui sindaco di Sperlonga
Napoli
Napoli, scoppia un impianto a gas: un morto e 7 feriti, 5 gravi
Roma
Roma, manutenzioni bus Cotral truccate: un arresto e 50 indagati
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Germania in guerra contro Fca: "Richiamare 500, Doblò e Renegade"
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella, conto alla rovescia Anteprima Amarone
Turismo
A Singapore la gara di Danza del leone, caccia i cattivi spiriti
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Milano Moda Uomo, trionfo di righe e quadri da Missoni
Scienza e Innovazione
Rompicapo galattico per telescopio Hubble
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Milano, ripartono lavori prolungamento M1 fino a Monza Cinisello