martedì 06 dicembre | 19:01
pubblicato il 22/nov/2013 21:00

Bellezza: chirurgo estetico, 15% pazienti non si riconosce e ci ripensa

Bellezza: chirurgo estetico, 15% pazienti non si riconosce e ci ripensa

(ASCA) - Roma, 22 nov - Uno sguardo attraverso il quale non ci si riconosce. Un viso perduto. E' quello che succede al 15% di chi si sottopone a un intervento di chirurgia plastica al volto e non rimane soddisfatto, perche' non si riconosce nei nuovi lineamenti. Cosi' l'unica speranza e' quella di rivolgersi a un altro specialista, per 'riparare i danni'. A parlare di uno degli effetti di una chirurgia estetica troppo spesso vissuta con poca serieta' e' il chirurgo plastico Ezio Maria Nicodemi, segretario esecutivo della Mediterranean Academy for Life Extension Sciences, che ha realizzato l'indagine. ''La schiera dei pentiti non conosce sesso ne' eta' - spiega Nicodemi - con una prevalenza di donne insoddisfatte soprattutto di interventi al naso e di uomini che non si riconoscono piu' dopo essersi sottoposti a interventi agli occhi, perche' il loro sguardo, mi dicono i pazienti, diventa finto. Oppure perche' un occhio e' piu' grande dell'altro.

Insomma, si tratta di errori di tecnica e di mal valutazione che portano il paziente a non rimanere soddisfatto''. E' facile, dunque, che il paziente vada in tilt non riconoscendosi piu' allo specchio dopo essersi sottoposto a un intervento di chirurgia plastica. Per questo, secondo l'esperto, ''bisognerebbe affiancare al chirurgo plastico uno psicologo. Accade spesso, infatti, che il paziente immagini il risultato finale in un certo modo, e che se le attese non vengono soddisfatte perda il controllo. La figura dello psicologo dovrebbe servire ad accompagnare i pazienti in questo percorso''. Per farci capire l'importanza di questa problematica, Nicodemi ci racconta uno degli ultimi casi con cui ha avuto a che fare: ''quello di una donna sottoposta a rinoplastica in un altro centro, e' venuta da me con le foto di come era prima chiedendomi di ridargli il naso che aveva, con la gobba, perche' quello 'nuovo' era troppo piccolo e lei non riusciva a sentirlo suo''. Insomma, secondo Nicodemi ''ogni specialista dovrebbe consigliare i propri pazienti e non assecondarli in tutto''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Airc finanzia ricerca per migliorare diagnosi noduli alla tiroide
Enogastronomia
Veronafiere, Wine2Wine: verso una legge sull'enoturismo
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
I supermercati del futuro di Amazon: niente casse e code
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni