sabato 03 dicembre | 11:11
pubblicato il 26/apr/2013 20:42

Bellezza: al sud impazza il peeling, al nord trionfa tossina botulinica

Bellezza: al sud impazza il peeling, al nord trionfa tossina botulinica

(ASCA) - Milano, 29 apr - Anche la medicina estetica divide l'Italia e le italiane, complici le caratteristiche fisiche differenti del gentil sesso sparse lungo stivale, i trattamenti di medicina estetica variano da zona a zona, a seconda delle caratteristiche regionali delle pazienti. Al sud, infatti, trionfa la tecnica del peeling, che invece, e' meno forte al nord, dove tra i trattamenti preferiti dalle signore figurano quelli con tossina botulinica e filler. A rivelarlo e' il Collegio Italiano delle Societa' Scientifiche di Medicina Estetica, la massima autorita' in materia, sulla base delle richieste pervenute dai loro pazienti. Secondo le stime degli esperti, infatti, nelle regioni dell'Italia settentrionale i trattamenti di tossina botulinica (26%) sono quelli che trovano il maggior consenso da parte dei pazienti, seguiti da quelli con i filler all'acido ialuronico con il 24% di richieste e il laser resurfacing con il 20%. In vista dell'imminente prova costume si difendono bene anche le terapie anti-cellulite (18%) e i trattamenti di peeling della pelle con il 10% delle richieste. Questi ultimi stanno riscuotendo un notevole successo mentre e' poco richiesta la rimozione dei tatuaggi, trattamento effettuato solo nell'1 massimo 2% dei casi, in particolare da chi vuole ''liberarsi'' di un ricordo o per chi cerca di avere piu' possibilita' nei colloqui di lavoro.

Nelle regioni centrali, invece, il sole rende il clima piu' mite e le donne passano piu' tempo con gonne o vestiti che mettono in risalto le gambe. Proprio per questo il centro Italia e' quello che vede un aumento considerevole delle richieste di trattamenti anti-cellulite (25%) rispetto ai filler, che rimangono in ogni caso ancora al primo posto con il 28% delle richieste. La tossina botulinica e' ai piedi del podio con il 22%, seguita dal peeling cutaneo, in ascesa al 15%, il laser resurfacing (10%) e la rimozione dei tatuaggi (1%).

Nelle regioni del mezzogiorno i filler di acido ialuronico (30%) e la tossina botulinica con il 25% rimangono ai primi posti, ma la vera sorpresa sono i trattamenti di peeling che raggiungono ben il 24% delle richieste, incalzando sempre piu' i primi due. Chiudono la classifica i trattamenti anti-cellulite (14%), il laser resurfacing (6%) e la rimozione dei tatuaggi (1%).

''In generale per tutti i trattamenti di medicina estetica - avverte Emanuele Bartoletti, membro del Consiglio Direttivo - valgono le 5 raccomandazioni del Collegio delle Societa' Scientifiche di Medicina Estetica per scegliere il medico estetico migliore: 1) poiche' la medicina estetica non e' ancora una specializzazione, scegliere solo i medici che abbiano frequentato un corso di formazione in medicina estetica. 2) diffidare di chi propone trattamenti senza aver fatto al paziente una visita adeguata con misurazioni strumentali.

3) pretendere SEMPRE il certificato dei prodotti usati nei trattamenti. 4) pretendere SEMPRE un consenso informato sui trattamenti che si vanno a fare. 5) diffidare di chi non parla o tralascia di parlare delle possibili complicanze di un trattamento di medicina estetica''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Sanità
Il 16 dicembre sciopero medici ospedalieri e dirigenti sanitari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari